Curarci è un nostro diritto, perché non esiste il diritto alla salute, ma il diritto di curarsi.

Si fa oggi un gran parlare di “diritto alla salute” e viene utilizzato soprattutto per giustificare le imposizioni vaccinali (v. obbligo vaccinale per i sanitari) e le limitazioni della libertà di movimento (zona arancione-gialla) e personale (zona rossa), o ancora costrizioni come le mascherine all’aperto, e tutto in relazione al virus del covid-19. Il diritto alla salute, secondo questa narrativa, prevarrebbe sugli altri diritti costituzionalmente garantiti, come il diritto di movimento e personale, e il diritto al lavoro. E non è un caso, che proprio per questa ragione, riescano a trovare giustificazione le limitazioni e le imposizioni di cui sopra.

Ma, chiaramente, non funziona proprio così. In primis, ammesso esista questo fantomatico diritto alla salute, è chiaro che esso non deve prevalere rispetto agli altri diritti. Al massimo deve essere contemperato e bilanciato. Ma la verità è che il “diritto alla salute” non è un diritto autonomo, cioè non esiste come diritto a sé, da contemperare e bilanciare con gli altri diritti, ma è una semplice aspettativa, o se vogliamo, una componente dei (veri) diritti codificati nella Costituzione. In altre parole, il diritto alla salute è un elemento che, al massimo, potrebbe contribuire a definire il contenuto di questi ultimi: libertà personale, libertà di movimento e il diritto al lavoro. Non vi può essere effettivo e reale godimento di questi diritti se manca la salute, ma altrettanto non vi può essere salute qualora manchi il godimento di questi diritti. E’ chiaro infatti che una persona disoccupata (o alla quale viene impedito di lavorare) avrà maggiori occasioni di ammalarsi, di non curarsi, di non godere della salute fisica e psichica. Così come una persona obbligata a restare in casa, che non può muoversi, che è costretta in uno spazio limitato o è sottoposta ad angherie burocratiche per potersi muovere, finirà con l’ammalarsi, anche solo nella mente, per queste limitazioni. La salute, in questi casi, viene meno, perché viene meno il diritto del quale è elemento definitorio.

Sicché, il diritto alla salute, non essendo un vero diritto, è in realtà elemento che contribuisce a sostanziare gli altri diritti summenzionati, ai quali si aggiunge quello di curarsi. E questo sì che è un diritto costituzionale, perché è definito all’art. 32 Cost.

Ora però attenzione! Molti, leggendo la norma in questione, cadono puntualmente nell’equivoco terminologico. Infatti, il precetto costituzionale parla di “diritto alla salute”, là dove afferma che «la repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo». Ma il fondamentale diritto dell’individuo nella norma non è la salute ex sé, ma è la tutela della salute che si concretizza, in primis, nel diritto di curarsi. In altre parole, la tutela della salute, quale effettivo diritto dell’individuo, è tanto concreta quanto è concreto il suo diritto di curarsi (cfr. art. 2, 3 e 4 Cost.). Ed è altresì concreta, quanto è concreto il godimento degli altri diritti costituzionali di cui si è parlato sopra.

Precisamente, dunque, è diritto costituzionale dell’individuo non già la salute in sé (che è un po’ come il diritto alla felicità: evanescente e indefinito), ma il dovere dello Stato di tutelarla. E la tutela non può che concretizzarsi primariamente tramite il pieno accesso alle cure. Ecco perché il diritto costituzionale codificato nell’art. 32 Cost. non è il fantomatico “diritto alla salute”, quanto il “diritto di curarsi”, al quale si aggiunge il diritto di rifiutare tutti quei trattamenti che potrebbero mettere in pericolo la propria integrità psico-fisica.

Qualcuno ora però potrebbe dire: se il diritto costituzionale è la tutela della salute, sicché è dovere dello Stato fare tutto ciò che è necessario per tutelarla, allora le varie misure adottate per limitare i contagi del covid-19 sono giustificabili, così come è giustificabile l’imposizione dei vaccini (almeno per certe categorie di soggetti). Del resto, anche la prevenzione rientra nella tutela della salute.

Rispondo: non proprio. La prevenzione (si pensi alle norme anti-infortunistiche o quelle sulle frodi alimentari) è tanto legittima quanto è pieno il godimento dei diritti costituzionali fondamentali anzi citati. In altri termini, il dovere di tutela della salute dei cittadini, posto in capo alla Repubblica, non si può spingere fino al punto di limitare questi diritti costituzionalmente protetti con la scusa della prevenzione. Perché altrimenti, in nome della tutela della salute, si potrebbero sospendere del tutto questi diritti costituzionali o addirittura l’intera Costituzione. Ma nella nostra carta non v’è scritto da nessuna parte che questa possibilità possa essere considerata legittima. Anzi, esistono norme che suggeriscono l’esatto contrario. L’art. 16 Cost., per esempio, afferma che per ragioni sanitarie può essere limitato l’accesso a una parte del territorio. Questo dimostra che non è previsto che lo Stato possa limitare generalmente la libertà di movimento e peggio quella personale (quest’ultima solo con provvedimento del giudice). Stabilisce solo che per legge sarà possibile impedire che i cittadini accedano a determinate parti del territorio. E questo territorio non può certamente essere l’intero territorio italiano (ma v. qui).

Riassumendo, non esiste il diritto alla salute (non più di quanto possa esistere il diritto alla felicità). Esiste il diritto alla tutela della salute. Ed è dovere dello Stato realizzare questa tutela nell’unico modo costituzionalmente possibile: garantendo che tutti i cittadini accedano alle cure senza discriminazioni, soprattutto in base alle proprie sostanze economiche. E come ciò possa essere realizzato, è chiaro: garantendo il pieno godimento dei diritti costituzionalmente protetti, come il diritto al lavoro, il diritto di movimento e il diritto alla libertà personale che realizzano l’uguaglianza sostanziale ex-art. 3 Cost. Non può esserci perciò salute senza che si possa godere di questi diritti. Qualora si dica il contrario, si va fuori strada e i relativi provvedimenti non saranno mai conformi alla Costituzione.

Quanto alla prevenzione, seppure anch’essa rientri astrattamente nell’alveo del dovere dello Stato di tutelare la salute ai sensi dell’art. 32, primo comma, Cost., essa è tanto legittima quanto i relativi provvedimenti non vadano a comprimere indebitamente gli altri diritti costituzionalmente protetti, come la libertà di movimento, la libertà personale, il diritto al lavoro e il diritto all’integrità psico-fisica e il pieno accesso alle cure. Diversamente, qualsiasi politica sanitaria di prevenzione sarebbe del tutto illegittima, perché fuori dal seminato costituzionale.

Infine, il TSO. Per quanto esso sia previsto dalla nostra Carta (comma 2, art. 32 Cost.), deve essere considerato un trattamento ad personam, cioè un provvedimento basato su elementi concreti e personali, posti al vaglio di un giudice sulla base di una norma di legge, in conformità all’art. 2 Cost. Non può essere un provvedimento generale e astratto, destinato cioè a un’indefinita collettività di persone, imposto senza il filtro di una preventiva valutazione giurisdizionale e tecnica, basata sul caso concreto.

Lo schema terapeutico “Terapie domiciliari Covid-19”, messo a punto da circa 200 medici italiani, è stato condiviso anche dai professori Harvey Risch (epidemiologo della Yale University) e Peter Andrew McCullough (cardiologo della Baylor University).

I due luminari statunitensi sostengono la terapia formulata dagli specialisti italiani, sottoposta a confronto via Facebook con i pazienti, e che sta contribuendo a ridurre (e in molti casi pure ad evitare) le ospedalizzazioni dei malati di SARS-CoV-2.

La collaborazione fra Italia e Usa è il frutto dell’intenso lavoro del “Comitato per la cura domiciliare del Covid in fase precoce”, presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi, il quale nel mese di dicembre aveva vinto, unitamente ai “suoi” medici, una difficile battaglia legale contro Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), dinnanzi al Consiglio di Stato. Tale successo ha consentito la reintroduzione della somministrazione dell’idrossiclorochina, in modalità off-label, nel trattamento domiciliare del Covid in fase precoce.

Nel piano pandemico 2021-2023 si parla di differenziazione delle cure a causa della scarsità di risorse, mentre i medici del gruppo e del Comitato sostengono che, nelle more della campagna vaccinale, il Covid vada sconfitto a domicilio, proprio con il supporto dei medici dei territori”.

In tutti questi mesi i nostri medici Facebook hanno fornito assistenza giorno e notte, a numerosi malati che li hanno contattati e che si erano sentiti abbandonati al loro destino.

“È fondamentale che si sappia come curare il Covid a casa, tempestivamente e con i farmaci idonei, per prevenire gli effetti letali della malattia. Ricordo infine che lo schema terapeutico va affidato al proprio medico, escludendo che il paziente si riduca all’automedicazione”

Considerato che la costituzione sancisce che tutti i cittadini hanno diritto che gli venga tutelata la propria salute, e che esiste una possibilità di curare il Covid-19, è importante che ci sia una massiccia partecipazione a questa terza conferenza nazionale per le ter5apie domiciliari precoci covid19 che si svolgerà a Napoli il 10 luglio 2021 ore 18:30 luogo: Lungomare rotonda Diaz.

La partecipazione è estesa a tuti indistintamente ma sicuramente saranno presenti le tante persone curate e salvate da una vigile attesa insensata.

Purtroppo tantissime persone hanno perso la vita per tanta superficialità delle istituzioni.

Proprio una persona che ha perso i propri cari ha compreso l’importanza di questo gruppo e di questa conferenza dichiarando che fanno la differenza anche i parenti dei pazienti deceduti perché non hanno avuto la possibilità di una terapia precoce e purtroppo ancora non vi conoscevano… Io a Milano c’ero… perché la cura è un diritto e per mio padre che non ha avuto questo diritto e per noi che ci siamo sentiti impotenti.

É importante esserci per il futuro di tutti i cittadini… perché tutti abbiano accesso alla cura precoce!

Per la propria vita! 

2 thoughts on “Curarci è un nostro diritto: “Riempiamo la rotonda Diaz a Napoli!””
  1. Stupendo appello. Spero che la collaborazione con esperti stranieri permetta di diffondere la vostra SALVIFICA opera, abbattendo quel muro di disinformazione (fors’anche omertà) che uccide verità e troppe vite

  2. Buongiorno, sono pienamente convinto che questo covid dovrebbe essere curato a casa con l’aiuto dei medici di base e soltanto in questo modo si riuscirebbe a debellare definitivamente il virus, altro che vaccino obbligatorio!!!!!! Purtroppo la gente ha portato il cervello all’ammasso e sarà sempre più difficile convincerli che stanno sbagliando e che questi politici stanno imbavagliando i nostri diritti, dovremo (tra poco) essere soltanto sudditi obbedienti e tutte queste cose vengono spacciate per DEMOCRAZIA. Che fine abbiamo fatto……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *