Alla vista dell’ennesima violenta aggressione da parte del padre alla madre in casa, ha deciso che questa volta non sarebbe stata a guardare e così è intervenuta mettendo in atto un piano ben congegnato per farlo arrestare: ha chiuso il genitore fuori dal balcone e ha chiamato i carabinieri.

Protagonista della vicenda una ragazza piemontese di 18 anni che con il suo gesto ha messo definitivamente fine alla continue violenze domestiche contro la madre che ormai proseguivano da lungo tempo nella loro casa di Nichelino , nella città metropolitana di Torino.

L’episodio risale a martedì scorso quando attorno all’ora di pranzo l’uomo è andato in escandescenza dando vita all’ennesima aggressine contro la moglie davanti agli occhi atterriti dei figli. Stando al racconto della diciottenne e della stessa madre, l’uomo prima ha iniziato a urlare contro la donna poi, in preda a un accesso di rabbia, ha rovesciato il tavolo e ha lanciato un piatto colmo di cibo contro la moglie. È a quel punto che l’adolescente è intervenuta tirando via la madre e riuscendo in uno scatto fulmineo a spingere il padre verso il balcone richiudendo subito dopo la porta finestra dietro di lui.

Poi la chiamata ai carabinieri che, intervenuti sul posto, hanno ritrovato l’uomo ancora seduto su una sedia sul balcone con accanto un martello col quale avrebbe anche minacciato di sfondare la porta finestra. Condotto in caserma, l’uomo è stato infine arrestato per violenza domestica e maltrattamenti e condotto in carcere a Torino. La moglie 49enne invece è stata soccorsa e medicata per una ferita allo zigomo causata dal piatto lanciato. Secondo il suo racconto e quello della figlia, le violenze in casa andavano avanti da un paio di anni.

 

Fonte: fanpage

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *