C’è un tentativo di rapina dietro l’incidente avvenuto questa sera lungo l’Autostrada A1 Milano-Napoli tra Modena e Bologna.

Ancora poche le informazioni trapelate finora ma, stando a quanto emerso, l’agguato sarebbe avvenuto all’altezza del chilometro 178 direzione Sud, in territorio Modenese, nei pressi di Castelfranco. Sulla carreggiata ci sono diversi mezzi fermi, e alcuni in fiamme, tra il cavalcavia di Piumazzo di Castelfranco Emilia, in via Muzzacorona, e il cavalcavia di San Gaetano, in territorio di San Cesario sul Panaro. A quanto si apprende i banditi avrebbero posizionato dei chiodi sull’asfalto e sbarrato la strada alle vetture che stavano transitando. Sarebbero stati anche esplosi colpi d’arma. I ladri, tutti armati come hanno riferito diversi testimoni, avrebbero dato fuoco al mezzo pesante per far farlo fermare e poi rapinarlo. Da qui sarebbe divampato un grosso incendio che ha coinvolto numerose altre vetture: alcuni resti del tir che è andato letteralmente distrutto sono finiti in mezzo alla strada e hanno danneggiato diverse auto che stavano transitando in quel momento nel tratto Autostradale. Al momento non sembrerebbero esserci persone ferite.

Chiuso l’intero tratto autostradale tra Modena sud e Valsamoggia

Le operazioni, stando a quanto appreso da Fanpage.it, sono ancora in corso: sul posto sono giunte numerose auto della polizia stradale insieme a diversi mezzi dei vigili del fuoco intervenuti per domare le fiamme. L’incendio ha infatti provocato un’alta colonna di fumo nero e denso visibile a chilometri, mentre l’intero tratto autostradale tra Modena sud e Valsamoggia è stato chiuso in entrambe le direzioni. Al momento ci sono code per chilometri nel tratto interessato. Sul sito di Autostrade per l’Italia si legge che l’entrata consigliata verso Milano è Modena sud, l’entrata consigliata verso Bologna è Valsamoggia. L’uscita consigliata provenendo da Bologna è Bologna Borgo Panigale su A14 Bologna-Taranto, mentre l’uscita consigliata provenendo da Milano è Modena sud.

 

Fonte: fanpage

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *