Una Nexo guidata da un team di Hyundai Australia con 887,5 km percorsi ha battuto il record mondiale per la distanza più lunga percorsa da un veicolo a idrogeno con un solo pieno.

Un team australiano alla guida di Hyundai Nexo ad idrogeno ha battuto il record del mondo per la distanza più lunga percorsa da un veicolo alimentato a idrogeno con un solo pieno.

Secondo il computer di bordo, la distanza totale percorsa è stata di 887,5 km ed ha così consentito di superare il precedente record mondiale di 778 km stabilito dall’aeronauta francese Bertrand Piccard, anche lui al volante di una Nexo, nel suo viaggio attraverso la Francia da Sarreguemines a Le Bourget.

Record Hyundai Nexo ad idrogeno

Per battere il record, il pilota australiano di rally Brendan Reeves ha guidato il SUV elettrico a celle a combustibile partendo dalla zona di Essendon Fields, a Melbourne. Dopo 807 km di guida incentrata sull’efficienza, Reeves è arrivato a Broken Hill con un’ampia autonomia ancora disponibile.

Il viaggio è poi proseguito verso Silverton, una città nell’entroterra nei dintorni di Broken Hill, meglio conosciuta per essere stata la città dove è stato ambientato il film d’azione degli anni ’80 “Mad Max 2” (“The Road Warrior”). Successivamente, Nexo ha viaggiato ancora per circa 60 km prima che il serbatoio di idrogeno si esaurisse sulla strada per Wilangee, oltre la stazione di Eldee.

Autonomia auto ad idrogeno da record

Un membro del Royal Automobile Club di Victoria (RACV) ha sigillato il serbatoio di NEXO all’inizio del viaggio e un rappresentante della National Roads and Motorists’ Association (NRMA) ha verificato l’integrità del sigillo del serbatoio alla fine.

La distanza misurata dall’unità GPS a bordo di NEXO ha registrato 903,4 km, mentre la distanza di Google Maps ha segnato 905 km. Ai fini del test, è comunque il computer di bordo di Nexo ad essere utilizzato come registratore ufficiale di dati. Il viaggio è durato 13 ore e 6 minuti, ad una velocità media di 66,9 km/h.

La spia per il basso livello di carburante si è accesa per la prima volta a 686 km, con un’autonomia residua di oltre 200 km. La spia ha iniziato a lampeggiare dopo 796 km, con 90 km di autonomia reale residui.

Hyundai Nexo consumo idrogeno

Durante il viaggio, Nexo ha consumato un totale di 6,27 kg di idrogeno, a una velocità di 0,706 kg/100 km. Ha purificato 449.100 litri di aria durante il percorso – sufficienti a 33 adulti per respirare un giorno intero – poiché il suo tubo di scarico ha emesso solo acqua sotto forma di vapore e goccioline per tutto il viaggio.

Considerando l’assenza di emissioni di CO2, al contrario di un veicolo con motore a combustione interna standard che, sulla stessa distanza, avrebbe emesso circa 126 kg di CO2.

Mentre da noi si cercano le ultime gocce di petrolio

In Australia viene commercializzata la prima auto ad idrogeno, con tanto di stazioni per la ricarica in soli 5 minuti. L’auto percorre 900 chilometri con un pieno e mentre si muove purifica l’aria. Per la prima volta la tecnologia del fuel cell ad idrogeno viene applicata di serie su un’autovettura commercializzata e che soprattutto permette di avere un’autonomia così significativa, con tempi di ricarica bassissimi. Si tratta della Hyundai Nexo un auto di piccola cilindrata che batte tutti i produttori di auto mondiali e stabilisce un record di sostenibilità; con un carico di 6,27 chilogrammi di idrogeno purifica 449.100 litri di aria durante il tragitto (quanto il consumo del respiro di 33 persone per un giorno intero) e dal suo tubo di scarico emette solo acqua.

Questa automobile non produce CO2, nè altre emissioni inquinanti; basti pensare che un veicolo equivalente, con motore a combustione tradizionale, sulla stessa distanza emette circa 126 kg di CO2. Il motore ad idrogeno entra così nel mercato delle auto e punta ad affiancarsi a quello elettrico tra le soluzioni di mobilità sostenibile che il mondo sta adottando. La Hyunday diventa così la prima casa automobilistica mondiale a produrre un veicolo a celle a combustibile a idrogeno per il mercato.
L’auto monta un sistema di celle a combustibile a idrogeno che per generare elettricità fa passare il gas attraverso una struttura membranosa dove incontra l’aria presa dall’ambiente esterno, un processo che alimenta un motore elettrico. L’elettricità generata in eccesso, compresa l’energia accumulata durante la frenata, viene immagazzinata in una batteria agli ioni di litio.

Il rifornimento della Nexo impiega 5 minuti.
La prima nazione dove l’auto è stata messa in vendita è l’Australia, dove sono state costruite anche le prime stazioni di rifornimento.
Una vera visione di futuro sostenibile.

Nicola Lupo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *