Le cure domiciliari restano ancora oggi la prima trincea di lotta al Covid 19. Tante, troppe le richieste di aiuto che ancora oggi i medici del gruppo #terapiadomiciliarecovid19 in ogni regione continuano a ricevere, a fronte delle indicazioni del Ministero della Salute di perseverare con la vigile attesa per far fronte alla malattia.

Nonostante i ripetuti tentativi di un ottenere un incontro-confronto con lo stesso Ministero, il voto del Senato dello scorso 8 aprile con il quale è stato espressamente chiesto al Governo di lavorare alle linee guida tenendo conto il prezioso lavoro sul campo dei medici di medicina generale e specialisti che dal marzo 2020 hanno curato e continuano a curare ‘in scienza e coscienza’ migliaia di persone”, non vi è stato alcun coinvolgimento del nostro Comitato.

A questo proposito il Comitato Cura Domiciliare ha organizzato una Conferenza Nazionale per oggi 6 giugno, alle ore 15 in piazza del Duomo a Milano, durante la quale parleremo del lavoro svolto dai medici, sarà data voce ai pazienti curati a domicilio e a tutti coloro che da marzo si battono perché la medicina territoriale torni ad essere centrale e proattiva nella lotta all’emergenza Coronavirus, che non è ancora finita.

In piazza Duomo a Milano sarà possibile firmare una petizione per chiedere al Ministro della Salute di coinvolgere i medici del Comitato Cura Domiciliare Covid 19 nella stesura di linee guida che tengano conto della loro esperienza sul campo.

Il Comitato Cure Domiciliari Covid-19 tornerà a chiedere un confronto con il Ministero della Salute, confidando che le voci dei medici e dei cittadini non possano continuare a rimanere inascoltate.

In piazza, dunque, per chiedere un incontro a Speranza:

“Riporteremo il nostro gruppo Fb in piazza, dai camici bianchi ai pazienti guariti con la terapia domiciliare precoce, i cittadini avranno la maglia con scritto ‘Io sono stato curato con la terapia domiciliare precoce e altri con “io voglio essere curato con la terapia domiciliare precoce’, ci saranno i moderatori che hanno messo in contatto pazienti con i medici, ci saranno testimonianze e si raccoglieranno firme per una petizione a Speranza in cui si chiede o di adottare anche i nostri protocolli di terapia domiciliare o di coinvolgere anche i medici del nostro consiglio scientifico, così come stava facendo Sileri, nella revisione dei protocolli di cura”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *