Il post su Instagram della ragazza, diventata nota in tutta Italia grazie al servizio di Fanpage per essere stata cacciata dalla famiglia: Questa libertà, quest’amore e questa soddisfazione l’ho dovuta e la sto tuttora pagando a caro prezzo” ha scritto Malika a corredo della foto pubblicata sul social network.

“Ho pagato un prezzo troppo alto per l’età che ho, ma saprò dare amore alla famiglia che mi sono scelta, all’amore per cui farei follie. Finalmente a casa!”. Lo scrive Malika Chalhy in un post su Instagram. La giovane la cui vicenda è diventata nota in tutta Italia dopo il servizio di Fanpage, con la famiglia che l’ha cacciata di casa dopo che la ragazza aveva rivelato di essere lesbica. La sua storia ha toccato il cuore di molti in ogni parte d’Italia. Molti hanno voluto trasformare la solidarietà in aiuto concreto: una raccolta fondi a suo favore sul web ha superato i 100mila euro. “Ho passato mesi da incubo, mesi in cui non mangiavo, non dormivo e mi sentivo il respiro spezzato”, ha scritto Malika nel post su Instagram, accompagnato da una foto con scritto ‘Love Dream’, in cui lascia intuire di aver trovato un po’ di serenità, oltre che, come scrive lei stessa, libertà, amore e casa. “Questa libertà, quest’amore e questa soddisfazione l’ho dovuta e la sto tuttora pagando a caro prezzo”.

La storia di Malika

“Sei uno schifo, lesbica, se ti vedo t’ammazzo. Non mi portare a casa quella p*****a perché le taglio la gola, sei la rovina della nostra famiglia”. Queste erano state le parole che sua madre le avrebbe rivolto, dopo aver saputo che la figlia era innamorata di una ragazza. Malika non soltanto è stata cacciata di casa perché lesbica, ma i genitori hanno dichiarato ad un giornale di averla anche disconosciuta. “Se loro mi avessero rivoluto a casa come hanno sostenuto non avrebbero cambiato la serratura di casa. Sono tornata a casa e mi hanno disconosciuta. E con che coraggio potrei tornare dopo le minacce che ho ricevuto?”. Queste le parole di Malika che aveva voluto fare chiarezza.

 

Fonte: fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *