«Battiato mi spezza il cuore Non ci posso pensare / Battiato mi riporta bambino»

Ieri è stato pubblicato Segnali di vita – La biografia de la voce del padrone, libro scritto da Fabio Zuffanti che ripercorre le tappe salienti della lavorazione dell’iconico album di Franco Battiato. Il volume, edito da Baldini + Castoldi, si avvale anche della prefazione di Aldo Nove, e in coda a questa troviamo la poesia che Morgan ha dedicato all’autore siciliano scomparso il 18 maggio scorso. Della poesia vi avevamo riportato un estratto pochi giorni fa, ma adesso è disponibile nella sua interezza.

Battiato mi spezza il cuore Non ci posso pensare Battiato mi riporta bambino È sempre stato speciale Così diverso da tutti E forse per questo Rinasce se stesso, chissà. L’intelligenza è l’arte di associare campi disuguali solo all’apparenza L’ironia è distacco dall’oggetto Allo scopo di sopravvivenza, Entusiasmo è sete di conquista e premessa dell’orgasmo Pazienza è il risvolto compulsivo dell’assenza.Medianico-alieno-vate radicale-derviscio presocratico sperimentale. E stasera l’estate s’invola, che onore, Battiato mi spiega le fasi lunari, e da oggi ogni volta che la luna si specchia nel lago e disegna un «C» io so che è calante. Ma questo mi spezza il cuore Non ci posso pensare Battiato mi ha ridato il bambino È sempre stato gentile Molto diverso da tutti E forse, chissà, per questo mi ricorda me stesso O mio padre. «Ti bramo», per adesso, è il migliore sostituto del solito «ti amo». Mettiamoci al lavoro, parliamo del sistema, che anche se ridiamo non vuol dire che scherziamo. Questo pezzo mi fa pena Questo fine settimana Quando torno su a Milano ci sentiamo e andiamo a cena. Rimatore-Citaredo-Aureo aedo-bardo-rapsodo-venusto ornato agriforme. Canta su un tappeto di tutta la gente gioie o dispiaceri, Virtù più volentieri. Ed io per buona sorte, o forse me lo sono meritato, nella primavera del ’95 l’ho incontrato e lui mi ha criticato Ma poi mi ha fatto amico Ma questo mi spezza il cuore Non ci voglio pensare Battiato che ritorna bambino È sempre stato geniale. Più originale di tutti E proprio per questo che risuona nel tempo. Battiato mi spezza il cuore È sempre stato signore Al di sopra degli altri Ed è per questo Che più in alto ti porta il canto, Ma ti spezza il cuore. Marco Morgan Castoldi

Fonte: sentireascoltare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *