Ce l’hanno fatta: il peggio è passato, dicono, grazie ai loro favolosi vaccini. Un nuovo lockdown «è altamente improbabile», assicura alla “Stampa” il coordinatore del Cts, Franco Locatelli, che è anche presidente del Consiglio Superiore di Sanità.

«Tutte le decisioni sono state prese per non esporci al rischio di dover richiudere», afferma, convalidando – una volta di più – l’idea che le zone rosse, il distanziamento e il coprifuoco avessero davvero un significato sanitario. Secondo Locatelli, quello che oggi «fa la differenza» è la campagna vaccinale condotta a tamburo battente dal generale Francesco Paolo Figliuolo (incaricato da Mario Draghi, al posto di Domenico Arcuri), al punto che presto si potrà abolire l’obbligo più surreale, quello di indossare la mascherina, almeno all’aria aperta: «Credo che potremo parlarne nella seconda metà di luglio, eliminando l’obbligo solo all’aperto, o anche al chiuso tra persone vaccinate e non soggette a fragilità».

In pratica, l’ennesima illazione è diventata verità di Stato: dal Covid si esce solo tramite quelli che Draghi e Locatelli chiamano “vaccini”, anche se si tratta di terapie geniche ancora sperimentali. Poteva andare peggio, qualcuno dirà: secondo i piani iniziali, i “falchi” del Covid speravano di protrarre l’emergenza fino a tutto il 2023.

Lo stesso Draghi, peraltro, ha esaltato ripetutamente il vaccino come unico rimedio, anche nel caso di eventuali, prossime pandemie.

Tutto questo ha l’aria di essere un pesante pedaggio da pagare, per uscire gradualmente dalla crisi: raccontando che la vaccinazione è l’unica soluzione possibile. Una menzogna assoluta, come ricordato nell’ottimo reportage di Massimo Mazzucco sulle “cure proibite”, in cui si dimostra che le autorità sanitarie hanno deliberatamente ignorato almeno 10 terapie salva-vita: riconoscerne l’esistenza avrebbe impedito, in base alla legge, di attribuire ai “vaccini genici” l’autorizzazione con procedura d’emergenza.

Se migliaia di pazienti fossero stati curati in modo tempestivo, attraverso un protocollo per le cure precoci – si domanda Mazzucco – quanti di loro sarebbero ancora vivi, oggi?

Domanda che il governo Draghi sembra non porsi, interessato com’è a usare i “vaccini genici” (e solo quelli) per tentare di mettere la parola fine all’incubo delle restrizioni (a patto che, ovviamente, ci si sia vaccinati). Franco Locatelli pensa anche alle dosi da iniettare ai giovanissimi, «una volta che sarà arrivato il via libera» dell’Ema, atteso per fine maggio, e saranno state vaccinate le fasce di popolazione a rischio. A quel punto, dice Locatelli, «potremo partire con gli studenti, così da assicurare la didattica in presenza e in sicurezza nel prossimo anno scolastico». Anche la ripresa della normalità scolastica, dunque, sarebbe vincolata all’inoculo delle terapie geniche sperimentali.

In vista c’è l’obbligo vaccinale, per tutti?

«Al momento non vedo gli estremi per discuterne», afferma Locatelli: «Lo scenario attuale non rende necessario l’obbligo, se non per gli operatori sanitari» (già sottoposti, infatti, a una misura che secondo alcuni medici e legali ha carattere vessatorio e incostituzionale, configurandosi come un Tso a base di farmaci non ancora completamente testati).

Ma non è tutto: nelle prossime settimane, avverte il ministro Vittorio Colao, il graduale ritorno alla libertà sarà condizionato anche dal possesso di un “green pass” per spostarsi da una regione all’altra: un certificato digitale, rilasciato alle persone vaccinate, ai pazienti guariti e ai cittadini reduci da un tampone negativo.

Ricapitolando: dopo montagne di menzogne ufficiali sul Covid, si torna relativamente liberi solo se si affronta l’incognita di un “vaccino genico” o se ci si sottopone al test Pcr, nonostante sia stata dimostrata la scarsissima affidabilità dei tamponi, largamente manipolati.

In altre parole: l’Italia riapre, ma la farsa continua. Obiettivo della recita: scongiurare nuove chiusure in autunno, quando i “corvi” del Covid torneranno a gracchiare malaugurio a reti unificate.

Fonte: Libre Idee.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *