«Ci hanno informato che non erano presenti droghe nella green room. La band ha spiegato che un bicchiere si era rotto al loro tavolo ed è stato pulito dal cantante. L’Ebu può confermare che il vetro rotto è stato trovato», si legge nella nota della European broadcasting union

«Stiamo ancora esaminando attentamente tutti i filmati e, a tempo debito, daremo aggiornamenti e ulteriori informazioni sulla questione». Questa la posizione dell’Ebu, la European broadcasting union, l’ente che si occupa di organizzare e promuovere l’Eurovision song contest. La società interviene con un comunicato ufficiale dopo la bufera di polemiche che hanno investito Damiano, il frontman dei Maneskin, la band romana vincitrice del contest nella notte scorsa. Il cantante del gruppo, come noto, è stato accusato di presunto uso di droga, cocaina in particolare, nel corso della finale in diretta tv e l’insinuazione mossa contro di lui è subito finita tra le questioni più commentate sui social nelle ultime ore. La band ha subito smentito gli addebiti relativi al consumo di droga.

«Siamo consapevoli della speculazione sul video dei vincitori italiani dell’Eurovision song contest nella green room di ieri sera – si legge nella nota ufficiale dell’Ebu -. La band ha smentito le accuse di consumo di droga e il cantante in questione farà un test antidroga volontario». Dunque, quando sarà di ritorno a casa, Damiano si sottoporrà volontariamente a un test per dimostrare che è da escludere l’ipotesi di uso di droghe che gli viene addebitata. A chiedere di potersi sottoporre al test è stata la stessa band subito dopo le critiche, ma l’Ebu non è riuscito a organizzare la cosa nell’immediato. «La band, la loro direzione e il capo della delegazione ci hanno informato che non erano presenti droghe nella green room – si legge ancora nel comunicato dell’Ebu – e hanno spiegato che un bicchiere si era rotto al loro tavolo ed è stato pulito dal cantante. L’Ebu può confermare che il vetro rotto è stato trovato dopo un controllo in loco».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *