«Dobbiamo vaccinare il mondo contro il coronavirus, e farlo velocemente».

Così il premier Mario Draghi, in apertura del Global Health Summit a Villa Doria Pamphili, al fianco della presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, sottolineando che, «mentre ci prepariamo per la prossima pandemia, la nostra priorità deve essere quella di garantire il superamento di quella attuale tutti insieme».

Toni inquietanti, tra il grottesco e il ridicolo, quelli esibiti il 21 maggio a Roma dal premier italiano, trasformatosi nel più attivo e influente propagandista dei “vaccini genici”, ancora sperimentali. Farmaci “venduti” come unico rimedio per una patologia influenzale curabile da casa, se solo venisse predisposto il protocollo per le cure precoci inutilmente richiesto dai medici, e che il ministro della sanità, Roberto Speranza, ha fatto bloccare dal Consiglio di Stato nonostante un’analoga richiesta del Senato, completamente ignorata dallo stesso Draghi: per il primo ministro, infatti, è come se le terapie anti-Covid non esistessero. A rendere ancora più inquietante il discorso di Draghi, la proiezione sul futuro: vaccino sistematico, per qualsiasi epidemia a venire.

«La pandemia Covid-19 ha dimostrato l’importanza della cooperazione internazionale per affrontare la crisi sanitaria attuale e futura», ha detto Draghi, senza ridere: la “cooperazione internazionale” è quella che ha determinato (per la mancanza di cure, risolutamente negate) quella che Angelo Giorgianni e Pasquale Bacco chiamano “strage di Stato”.

Ma peggio: nella sua ultima uscita sul tema, Draghi ha ringraziato Silvio Brusaferro e altri dirigenti del sistema-emergenza, veri responsabili della catastrofe.

Un grazie speciale poi a Global Citizen, «per aver organizzato Vax Live: il concerto per riunire il mondo». Per l’ex presidente della Bce, non c’è altra via d’uscita che quella vaccinale: «I nostri scienziati hanno sviluppato una serie di vaccini efficaci, con una velocità senza precedenti», afferma, fingendo di non sapere che l’efficacia delle “terapie geniche” è tutta da dimostrare, così come la loro innocuità, mentre la “velocità senza precedenti” (nell’autorizzare i non-vaccini) è dipesa esclusivamente dall’aver deliberatamente ignorato le cure esistenti.

Amara delusione, per chi aveva sperato che Draghi licenziasse Speranza e abbracciasse la via maestra delle cure domiciliari, raccomandata da centinaia di medici italiani, tra cui il professor Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri di Milano.

Tra l’altro, Draghi sembra ignorare che l’ostinazione nel negare le terapie ordinarie sia una sorta di crimine: per non ostacolare l’adozione del vaccino, infatti, migliaia di pazienti potrebbero essere morti perché lasciati a casa senza cure, in balia di un protocollo che ancora oggi parla solo di Tachipirina e “vigile attesa”.

«Per la prima volta», proprio grazie ai “vaccini genici”, «la normalità si avvicina»: questa la menzogna che Draghi reitera, seppellendo la verità sul Covid e mortificando gli sforzi dei medici italiani che, “in scienza e coscienza”, nell’ultimo anno hanno regolarmente guarito migliaia di pazienti, senza nemmeno doverli ricoverare.

Draghi dichiara di sognare “vaccini” gratis anche per il terzo mondo, cioè i paesi che meno hanno sofferto per il Covid e che di vaccinarsi, per fortuna, non vogliono saperne.

(Sul sito dell’agenzia AdnKronos le sconcertanti dichiarazioni integrali rese da Draghi a Roma il 21 maggio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *