Paola Piras è stata operata all’ospedale di Lanusei, in Ogliastra. Nell’aggressione subita dall’ex ha riportato lesioni profonde ai reni, al volto, alla trachea, all’addome: è in condizioni disperate. Suo figlio, Mirko Farci, si era gettato su di lei per difenderla dalla furia dell’ex compagno, ora arrestato. Il 19enne è morto.

Diciassette coltellate inferte con una violenza inarrestabile. Ai reni, al volto, alla trachea, all’addome. Paola Piras, 50enne commerciante di Tortolì (Nuoro), è in fin di vita. I medici dell’ospedale Nostra Signora della Mercede di Lanuse l’hanno sottoposta ad un delicatissimo intervento chirurgico durato oltre quattro ore e tecnicamente riuscito, secondo quanto dichiarato dallo staff sanitario dell’ospedale sardo. La donna è stata salvata da suo figlio 20enne, Mirko Farci, che l’ha protetta col suo corpo dalla furia omicida del suo ex compagno, il 29enne pakistano Masih Shahid, che si è introdotto alle prime luci del giorno nella loro abitazione mentre dormivano e li ha aggrediti. Mirko non ce l’ha fatta. Ricoverata in rianimazione in prognosi riservata, la madre resta in condizioni gravissime.

L’ultimo post di Paola su Facebook

Tutta Tortolì prega per lei, tantissimi i messaggi carichi di speranza pubblicati su Facebook, soprattutto sotto l’ultimo post della 50enne nella serata di ieri, a meno di 24 ore di distanza dalla brutale aggressione: “Perdona. Non perchè loro meritano il perdono ma perchè tu meriti la pace”.

Arrestato aggressore, ha rischiato linciaggio

Shahid era stato arrestato per maltrattamenti ed era destinatario di una misura di divieto di avvicinamento alla ex. Dopo una fuga durata l’intera mattinata, il 29enne è stato preso dai carabinieri nei pressi del supermercato Eurospin, a un paio di chilometri dalla palazzina di via monsignor Virgilio dove è avvenuto l’omicidio. L’arresto dell’uomo ha avuto anche momenti di grande tensione. Una folla radunata davanti alla caserma ha cercato di aggredirlo. Alcuni carabinieri sono rimasti contusi nella ressa.

 

Fonte: fanpage

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *