Ieri sera numerose persone hanno segnalato il passaggio di rapidissimi puntini luminosi in cielo, tutti in perfetta fila indiana quasi simili ad una lunga catena di stelle cadenti. Ma di cosa si è trattato?

Ebbene il fenomeno osservato non è nulla di strano o “extra-terrestre” ed oltre tutto non ha nulla a che fare con il razzo cinese in caduta libera verso la Terra.
Bensì si è trattato dei satelliti Star-link di Space X, il progetto di Elon Musk che punta a migliorare la copertura internet sulla Terra.

Se vi foste persi il fenomeno nessuna paura! Stasera potremo nuovamente ammirare questa interminabile sequenza di satelliti in movimento da ovest verso est, su quasi tutta la nostra penisola.
I satelliti saranno osservati tra le 21.25 e le 21.50 a cominciare dal medio-alto Tirreno e via via anche sul resto d’Italia.
La sequenza di questi rapidissimi e numerosi satelliti (almeno 80) scorrerà esattamente sul centro Italia, dove basterà semplicemente puntare gli occhi verso l’alto, in perpendicolare alla propria posizione. Chi si troverà più a nord dovrà volgere lo sguardo leggermente verso sud, viceversa chi si troverà più a sud dovrà volgere lo sguardo leggermente verso nord.

Come funziona Starlink

L’obiettivo del progetto Starlink è la fornitura di un accesso globale a internet ad alta velocità. Con l’attuale tecnologia le aree rurali e remote sono spesso ancora oggi isolate e senza accesso. I tradizionali provider di servizi internet via satellite sono in grado di fornire una copertura con i loro satelliti posti in orbita geostazionaria (circa 35.000 chilometri di altitudine), ma il segnale per giungere a destinazione e tornare al dispositivo di origine deve percorrere una distanza elevata il che si traduce in collegamenti con velocità di connessione poco performanti. Operando a un’altitudine più bassa, SpaceX spera di riuscire a ridurre questo problema per fornire una copertura veloce e affidabile a un prezzo competitivo.

 

Fonte: inmeteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *