Dopo aver trascorso un’intera vita a donare amore, attenzioni e tutto sé stesso alla sua famiglia, un cane anziano è stato lasciato in un rifugio della California.
I proprietari hanno giustificato l’inqualificabile decisione sostenendo che il cane era “troppo vecchio” poiché, come ovviamente ci si dovrebbe aspettare data la sua veneranda età, mostrava qualche acciacco.

Cookie, questo il nome dell’anziano pelosetto, aveva 14 anni quando è stato portato al canile. Il Fido era malato, estremamente magro, e le sue unghie troppo lunghe e per nulla curate. Inoltre, come i suoi stessi proprietari hanno riportato, soffriva di crisi epilettiche.

La scorsa domenica, i volontari della Leave No Paws Behind si sono recati al rifugio nel quale era stato appena consegnato Cookie per occuparsi di un altro cagnolino anziano.
Considerata la sua delicata situazione, il cane anziano era stato abbandonato proprio nei suoi ultimi giorni di vita, lo staff del rifugio ha chiesto all’associazione di occuparsi anche di lui e di non lasciarlo morire da solo, nella fredda cella di un canile.

confortano cane cookie
La volontaria che si è occupata del cane anziano nei suoi ultimi giorni di vita (Foto Facebook)

La Leave No Paws Behind ha accettato senza indugio la richiesta di aiuto. Da quel momento Cookie non è mai stato lasciato solo. I volontari gli hanno dato conforto e hanno cercato di farlo sentire amato, nonostante l’anziano cane fosse circondato da volti a lui non familiari proprio nei giorni più delicati della sua vita.

Cookie è stato portato in una casa amorevole, ripulito e curato. I soccorritori gli hanno tagliato le unghie, dato del cibo e tenuto tra le loro braccia. Lo hanno riempito di carezze e coccole e soprattutto lo hanno rassicurato che non sarebbe mai più rimasto solo. Purtroppo il tempo dei volontari in sua compagnia è durato solo 48 ore.

Solo l’altro ieri, l’associazione ha pubblicato un post sulla propria pagina Facebook, dando il triste annuncio. Con il cuore a pezzi, i volontari hanno scritto un messaggio indirizzato a colui che ha deciso di abbandonare il cagnolino proprio nei suoi ultimi giorni di vita.

“Oggi teneramente e amorevolmente abbiamo detto addio al tuo cane. Non siamo riusciti a trattenere le lacrime mentre lo guardavamo cercare un volto familiare o ascoltare una voce familiare che gli sussurrasse quanto lo amava e quanto gli sarebbe mancato, ma non sei mai arrivato.”

Non ci sono parole per descrivere un gesto del genere, e non le vogliamo neanche cercare. Ci auguriamo solo che nessun animale cada ancora in mani così spietate e indegne.

“Non riesco a immaginare il motivo di un’azione del genere. Lasciarlo a morire da solo, dopo tutti quegli anni con te. Ciò che mi ferisce di più è quello che stava pensando mentre ti vedeva andare via. L’hai lasciato in una gabbia fredda e rumorosa, circondato da persone a lui sconosciute, anche se di sicuro hanno cercato in tutti i modi di consolarlo.
L’hai lasciato solo, nel momento in cui aveva più bisogno di te.”

Cooki ha attraversato il ponte dell’arcobaleno tra le braccia dei suoi soccorritori.
Il tenero cagnolino ha conosciuto il vero amore, anche se per poco.

“Stasera piangeremo per la perdita di un cagnolino che abbiamo avuto la fortuna di conoscere per sole 48 ore, perché hai deciso di non stare accanto e dire addio ad un cagnolino che ti è stato devoto per 14 anni.”
 Buon ponte, piccolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *