Lancio riuscito per la navetta Crew Dragon della SpaceX che per conto della Nasa porta sulla Stazione Spaziale quattro veterani, fra i quali il francese Thomas Pesquet, primo astronauta europeo dell’Esa (l’agenzia spaziale europea).

Come previsto, alle 11.49 italiane di venerdì 23 aprile il razzo è partito. A bordo gli astronauti della Nasa Robert Shane Kimbrough, al comando, e Megan McArthur, pilota, oltre ad Akihiko Hoshide, dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa, che diventerà il comandante dell’equipaggio Expedition 65 della Stazione Spaziale.

A 10 minuti dal lancio tutti si sono dati la mano in segno di augurio. Il lancio è avvenuto con un Falcon 9 dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida. La navetta della SpaceX si afferma come il nuovo “taxi spaziale” degli Stati Uniti dopo lo Shuttle.

Le novità della missione Crew Dragon 2 di SpaceX

Tante le novità di questa missione. E’ la prima volta in cui degli astronauti voleranno su una navetta già utilizzata, quella con cui ha debuttato il primo equipaggio della Crew Dragon nella missione Demo 2, composto da Douglas Hurley e Robert Behnken. Il primo stadio del Falcon 9 che li ha portati in orbita è quello utilizzato nella prima missione della Crew Dragon.

E’ anche la prima volta che un astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) vola con un veicolo commerciale. Dell’equipaggio, composto da quattro veterani, fa parte infatti il francese Thomas Pesquet. Ingegnere aerospaziale e pilota di linea, Persquet è entrato nel corpo astronauti dell’Esa nel 2009 e ha volato per la prima volta nel 2016 su una navetta russa Soyuz. Adesso è pronto a tornare per la seconda volta sulla Stazione Spaziale Internazionale, dove per sei mesi lavorerà alla sua nuova missione, Alpha.

Fonte: Blitz Quotidiano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *