Crolla la fiducia nel governo e nel presidente del Consiglio, Mario Draghi. In netto calo anche il dato del leader della Lega, Matteo Salvini, che vede avvicinarsi sempre più la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Tra i ministri, invece, i più apprezzati sono Dario Franceschini e Giancarlo Giorgetti. Sono questo alcuni dei dati emersi dal sondaggio di Euromedia Research illustrati su La Stampa da Alessandra Ghisleri. Per Mario Draghi la fiducia è nettamente scesa in questi due mesi di governo: si è passati dal 63,8% al 52,7%, con l’11% dei consensi in meno. Un calo che dipende soprattutto dal basso gradimento espresso, rispetto al passato, dagli elettori di Lega e Movimento 5 Stelle.

Sondaggi, la fiducia nel governo e nei ministri

Ancora più netto il calo della fiducia nel governo, che passa dal 56,9% al 40,8%: oltre il 16% in meno. Altro dato è quello riguardante il confronto tra l’attuale governo e il Conte bis: secondo il 51,6% degli elettori non ci sono differenze di gestione, mentre il 21,1% ritiene sia migliore l’operato del governo Draghi e il 19,8% pensa che sia peggiore. Per quanto riguarda i ministri, invece, quelli che godono di un maggiore gradimento sono: Dario Franceschini (Cultura), Giancarlo Giorgetti (Sviluppo economico), Marta Cartabia (Giustizia), Luciana Lamorgese (Interno), Renato Brunetta (Pa).

La fiducia nei leader secondo i sondaggi

Al di là di Draghi, a godere del maggiore grado di fiducia da parte degli italiani è l’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che guadagna l’1,6% e raggiunge il 44,5%. In perdita c’è invece Matteo Salvini (-2,5%), ora al 29,5%. Sale il segretario del Pd, Enrico Letta, al 27,6% (+3%) di poco davanti alla leader di Fdi, Giorgia Meloni, al 27,4%. Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, si attesta tra il 21 e il 22%, mentre il leader di Azione, Carlo Calenda, è tra il 18 e il 19%. Chiude, nettamente ultimo in questa graduatoria, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, verso cui esprime fiducia solo il 7,7% degli italiani.

 

Fonte: fanpage

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *