Sono ore di angoscia per gli abitanti dell’isola caraibica di Saint Vincent, dove da questa mattina è in corso una violenta eruzione vulcanica. Più di 16.000 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case.

L’ultima attività eruttiva del vulcano La Soufrière risale al 1979, ma è ancora vivo il ricordo della più grande eruzione che nel 1902 provocò oltre 1000 vittime

L’allerta sull’isola è scattata ieri sera, quando i sismologi hanno registrato dei movimenti nel cratere legati alla risalita del magma. Così, il primo ministro Ralph Gonsalves ha dato l’ordine di evacuazione. “Ho emesso un ordine di evacuazione a tutti i residenti che vivono nelle zone rosse a nord est e nord ovest dell’isola” ha annunciato Gonsalves  su Twitter.

Oltre 16.000 i residenti che hanno lasciato le loro abitazioni. Diverse compagnie di navigazione hanno annunciato l’invio di due navi da crociera per assistere gli sfollati, che sono stati portati sulle vicine isole Barbados e Santa Lucia. Secondo l’organizzazione nazionale per la gestione delle emergenze sull’isola, c’è il rischio che avvenga un disastro come quello del 1902.

 

Fonte: GreenMe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *