I genitori lo avevano portato in ospedale per un gonfiore, poi la scoperta. Il piccolo è stato operato e ora sta bene

Dopo una serie di analisi, i medici hanno potuto escludere che il bambino fosse stato esposto a farmaci durante la gravidanza o avesse una storia familiare di anomalie genetiche. Il piccolo è stato operato nel 2020 e, visitato nuovamente a distanza di un anno, ora gode di ottima salute.

Secondo le statistiche, uno su cinque-sei milioni di bambini nasce con più di un pene, con circa cento casi di difallia (due peni) registrati in tutto il mondo. Il neonato iracheno è però il primo ad avere la trifallia. Lo ha scritto l’International Journal of Surgery Case Reports.

I genitori del ragazzo inizialmente lo hanno portato in ospedale a causa del gonfiore allo scroto, ma quando è arrivato i medici hanno notato che il ragazzo aveva due peni in più. Uno misurava 2 cm ed era situato alla radice del suo pene principale, mentre l’altro era lungo 1 cm, posizionato sotto lo scroto. Gli urologi hanno scoperto che nessuno dei peni extra aveva un’uretra, il tubo attraverso il quale passa l’urina, e hanno deciso che la chirurgia era l’opzione migliore.

Nessun problema è stato riscontrato durante una visita di controllo un anno dopo l’operazione, secondo il dottor Shakir Saleem Jabali, l’autore del rapporto. “Per quanto ne sappiamo, questo è il primo caso segnalato con tre peni o trifallia. Nessun caso simile è presente in letteratura sugli esseri umani.” Anomalie simili che si possono accomunare a questa sono il nascere con due scroto o ani. Un caso in India è diventato virale nel 2015 ma gli esperti non hanno potuto verificare il racconto perché non è mai stato pubblicato in una rivista medica. Ci sono state altre segnalazioni di ragazzi in grado di urinare ed eiaculare da entrambi i peni, ma in questo caso i peni extra del ragazzo non erano funzionanti e quindi l’intervento chirurgico è stato meno complicato.

Fonte: tgcom24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *