L’uomo ha patteggiato una pena di 23 mesi. Il fatto era accaduto ad agosto 2020 in Piazza Gae AuentiHa patteggiato una pena di 23 mesi, con sospensione condizionale, il 23enne di origini egiziane che il 24 agosto 2020 ha stuprato una ragazza in piazza Gae Aulenti a Milano. La pena è stata concordata tra la difesa del giovane e la procura che aveva condotto le indagini attraverso l’aggiunta Maria Letizia Mannella e la pm Michela Benedetta Bordieri. Il fermo del 24enne era arrivato a fine settembre, dopo un mese di indagini.

Lo stupro in Piazza Gae Aulenti

Secondo quanto ricostruito da via Fatebenefratelli, lo scorso 24 agosto gli agenti avevano trovato all’incrocio tra viale Liberazione e via Melchiorre Gioia una donna di 34 anni, fortemente scossa, che aveva riferito di essere stata aggredita poco prima da un uomo di “origine egiziana” a lei sconosciuto.

A seguito di queste informazioni, la donna era stata accompagnata alla Mangiagalli dove aveva dichiarato di essere stata vittima di violenza sessuale in un prato vicino a piazza Gae Aulenti nella nottata precedente. La clinica aveva confermato il rapporto sessuale avvenuto.

Le indagini, condotte dalla 4° Sezione della Squadra Mobile della Questura di Milano, favorite dalle informazioni fornite dalla vittima successivamente in querela, avevano permesso di individuare ed identificare un soggetto corrispondente alle descrizioni.

Lo stesso ragazzo era stato ripreso dalle telecamere di piazza Gae Aulenti, le quali avevano anche confermato la dinamica dei fatti fornita dalla vittima. Il ragazzo, dopo aver avvicinato la vittima insieme ad altri due suoi amici, allontanatisi molto tempo prima della violenza e risultati estranei ai fatti, aveva trascinato la 34enne in un prato limitrofo alla piazza e l’aveva costretta a subire un rapporto completo. Alla certezza dell’identità del soggetto si è giunti anche grazie alle analisi sul DNA effettuate dal laboratorio di biologia del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica.

Fonte: MilanoToday

 

 
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *