Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, è stato convocato per consultazioni a Mosca al fine di identificare modi per appianare “le relazioni russo-americane, che sono in cattive condizioni”.

La nuova amministrazione americana è al potere da quasi due mesi, il traguardo simbolico dei 100 giorni non è lontano, e questo è un buon motivo per provare a valutare cosa sta facendo bene il team Biden e cosa no. Quanto a noi, il punto principale è determinare i modi per appianare le relazioni russo-americane, che sono in cattive condizioni e che Washington ha portato a un vicolo cieco negli ultimi anni. Siamo interessati a prevenire il loro degrado irreversibile, se gli americani si rendono conto di tutti i rischi associati. ”- afferma la dichiarazione di Zkharova pubblicata nell’account Telegram del ministero russo.

Commentando la situazione stessa, il portavoce del ministero degli Esteri russo ha definito la mossa di Biden “senza precedenti”.

L’ambasciatore russo è stato richiamato dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito Putin un “assassino nella sua intervista e ha promesso alla Russia di” far pagare “per l’ingerenza nelle elezioni statunitensi.

Lo stesso giorno, il ministero degli Affari esteri russo ha risposto al rapporto del segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, sostenendo che tutte le comunicazioni militari tra Russia e NATO erano state interrotte.Secondo il rapporto NATO 2020, pubblicato anche il 17 marzo, l’incontro del Consiglio Russia-NATO non si è svolto lo scorso anno per colpa della parte russa.

Il viceministro degli Esteri russo, Alexander Grushko, ha risposto che non c’era accordo sullo svolgimento di tali Consigli, poiché la NATO ha abbandonato tutte le strutture del processo preparatorio.

“Il Consiglio era composto da un gruppo di lavoro, un comitato preparatorio e il Consiglio stesso a livello di ambasciatori. Tutti gli elementi tranne gli incontri a livello di ambasciatori sono stati distrutti da loro, non funzionano più ”- ha detto.

l recente deterioramento delle relazioni diplomatiche tra Mosca e Washington si sta verificando durante il conflitto militare in corso nell’Ucraina orientale e il lancio dell’esercitazione militare della NATO su vasta scala Defender Europe 2021 . La sua area principale sono i Balcani, il Mar Nero e le regioni vicine al confine russo.
Putin un assassino secondo Biden
Il 17 marzo, il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden ha definito il presidente russo Vladimir Putin un “assassino” e ha affermato che la Russia dovrebbe essere ritenuta responsabile per l’ingerenza nelle elezioni americane.

Il giorno prima, l’intelligence americana ha declassificato un rapporto in cui si diceva che Mosca aveva cercato di aiutare Donald Trump a essere rieletto.

Nel frattempo, è stato notato nel documento che né il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti né il Federal Bureau of Investigation, il Department of Homeland Security e la Cybersecurity and Infrastructure Agency non hanno trovato prove di influenza straniera sui risultati delle elezioni presidenziali.

Biden è attivamente alla ricerca di uno scandalo sonoro per giustificare la politica offensiva della sua amministrazione nei confronti della Russia. È molto probabile che le nuove sanzioni non siano il prezzo che Biden vuole che Mosca paghi, poiché non hanno già alcun effetto significativo sull’economia russa. Con questo pretesto, ad esempio, l’Occidente collettivo potrebbe spingere Kiev a lanciare un attacco su larga scala nel Donbass

Fonte: Contro Informazione.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *