L’iniziativa è di Pan Europe, network di oltre 200 realtà ambientaliste e agricole. C’è tempo fino a giugno per aderire.

Il traguardo obbligherebbe Commissione Ue ed Europarlamento a prendere posizione sulla messa al bando dei pesticidi. Il 10% delle specie di api è a rischio estinzione.

“Eliminare progressivamente i pesticidi sintetici dall’agricoltura europea dell’80% entro il 2030 per azzerarli 5 anni dopo. Ripristinare gli ecosistemi naturali nelle zone agricole facendo dell’agricoltura un vettore di recupero della biodiversità. Riformare il settore agricolo dando priorità all’agricoltura su piccola scala, diversificata e sostenibile, diffondendo un rapido aumento delle pratiche agroecologiche e biologiche e consentendo la formazione e la ricerca indipendente degli agricoltori”. Tre richieste contenute in una proposta di legge europea d’iniziativa popolare. Promotrici oltre 200 realtà tra associazioni ambientaliste, biodistretti e operatori del settore agricolo-alimentare, riuniti in un network continentale: il PAN-Europe (Pesticide Action Network).

Un’iniziativa di legge popolare per spingere la Ue a decidere

L’ICE (Iniziativa dei cittadini europei) è uno strumento giuridico per influenzare in modo diretto la politica europea. Se la proposta di legge verrà sottoscritta da un milione di cittadini europei, la Commissione europea sarà costretta a prendere posizione rispetto alla proposta e a pubblicare un comunicato ufficiale. Al tempo stesso, il Parlamento europeo deve tenere un’udienza pubblica sull’argomento. La proposta può diventare quindi legge in tutta l’Unione europea. Il cammino è attualmente a metà strada: è stato finora raccolto quasi mezzo milione di firme. Per completare il percorso c’è tempo fino a giugno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *