«Il rapporto fra Domenico Arcuri e Giuseppe Conte andrà studiato dai cultori della scienza politica come esempio di ciò che può portare la scaltrezza e l’accecamento del potere in un contesto di istituzioni deboli».

Sul “Corriere della Sera”, Federico Fubini parla di equivoci, errori e scarichi di responsabilità, per inquadrare la caduta di Arcuri, nominato da “Giuseppi” super-commissario per l’emergenza Covid e silurato senza complimenti da Mario Draghi un anno dopo, il 1° marzo 2021.

Al posto di Arcuri ora c’è un militare, Francesco Paolo Figliuolo, generale di brigata esperto in logistica.

É la seconda testa a cadere, in pochi giorni, dopo quella del capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, sostituito con Fabrizio Curcio. Difficile, scrive “Dagospia”, che la rovinosa caduta di Arcuri (ormai lambito da troppe inchieste sulle forniture per l’emergenza) non colpisca, sul piano politico, lo stesso Conte, convinto da Beppe Grillo a impegnarsi come zattera di salvataggio per i naufraghi di un Movimento 5 Stelle ormai allo sbando.

Sul “Corriere”, Fubini descrive Arcuri come «manager pubblico da sempre vicino alla tradizione del Pd».

La sua missione: colmare le voragini del governo Conte, colto di sorpresa dalla prima esplosione (lombarda) della pandemia. Arcuri si è formato alla scuola militare della Nunziatella a Napoli, per poi laurearsi alla Luiss e avviare una carriera da manager: prima l’Iri, quindi Deloitte e infine Invitalia.

Arcuri

Tra i primi compiti di Arcuri, un anno fa: procurarsi mascherine e organizzarne una produzione italiana, procacciare respiratori per le terapie intensive e, man mano, qualunque cosa gli venisse richiesta: dai banchi a rotelle alle siringhe per i vaccini, fino alla fornitura di fiale (Pfizer, Moderna e AstraZeneca), organizzando anche la somministrazione delle dosi.

Conte ha dato mostra di non fidarsi di nessun altro, «quasi che l’Italia intera non avesse altro talento gestionale se non quello di Arcuri», scrive Fubini. Tra i due si era instaurato «un legame sempre sul limite del cortocircuito istituzionale», relegando in un cono d’ombra la stessa Protezione Civile.

Rendendo Arcuri «il dominus dell’emergenza», scrive ancora il “Corriere”, Conte ne aveva fatto anche il parafulmine per qualunque cosa dovesse andare storta: «Lo scudo umano perfetto, per il governo e per l’inquilino di Palazzo Chigi». In molti, a un certo punto, hanno iniziato a pensare che fosse proprio Arcuri, sia pure a nome di Conte, a prendere le decisioni su come gestire la pandemia.

Tanti gli errori commessi, come ricordato da Milena Gabanelli sempre sul “Corriere”: in settembre ha fatto comprare per 100 milioni di euro mascherine «a prezzi irrealistici» da un’impresa a controllo cinese incorporata in Olanda, che non aveva altri clienti «se non la struttura commissariale di Roma». Attorno all’operato dei collaboratori di Arcuri, intanto, sono in corso inchieste: l’ormai ex commissario non risulta personalmente indagato, ma certo la sua immagine si è progressivamente appannata in modo grave.

Di fronte all’ultimo fallimento, l’operazione-vaccini con le costosissime “primule” nelle piazze, è arrivato l’alt di Mario Draghi: l’uscita dall’emergenza non sarà più appannaggio di un commissario che per un anno ha lavorato per un governo (e un premier) interessato a prolungarla all’infinito, l’emergenza, pur di restare in sella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *