Inizia oggi il terzo mese dell’anno dedicato al dio della guerra, Marte; il mese della primavera, tanto amata dai poeti, dai cantautori, dagli artisti.

Tuffiamoci allora nelle affascinanti acque della poesia con una serie di liriche dedicate proprio a marzo.

Una sera di marzo – Alfonso Gatto

Fu in quel tempo di marzo che nel cielo
guardando alla città di sera, al volo
delle sue prime rondini, più solo
mi vidi, ma con tutti. Come a un gelo
dischiuso dal tepore, gli occhi fissi
all’accadere di quel mutamento,
ricordavo nel vivere che vissi.
E distratto così nel farmi intento
al mio segreto sorgere dal nulla,
trovavo nella voce le parole
da raggiungere, padre, madre, culla,
la terra che s’illumina nel sole.
Nel cielo di Milano d’agro e d’oro
nella sera di marzo, per l’oriente
affacciata a guardare era la gente
della mia voce e del mio volto, coro
di povertà che invoca dalle cose
il suo nome perpetuo. Non rispose
l’azzurro che vedevo farsi oscuro
presentimento, non rispose il muro.

Fiorita di marzo – Ada Negri

La fioritura vostra è troppo breve,
o rosei peschi, o gracili albicocchi
nudi sotto i bei petali di neve.
Troppo rapido il passo con cui tocchi
il suolo, e al tuo passar l’erba germoglia,
o Primavera, o gioia de’ miei occhi.
Mentre io contemplo, ferma sulla soglia
dell’orto, il pio miracolo dei fiori
sbocciati sulle rame senza foglia,
essi, ne’ loro tenui colori,
tremano già del vento alla carezza,
volan per l’aria densa di languori;
e se ne va così la tua bellezza,
come una nube, e come un sogno muori,
o fiorita di Marzo, o Giovinezza…

Canzone per il sole – di Takis Tsiakos

Ecco alcuni versi della Canzone per il sole scritta dal poeta greco Takis Tsiakos (1909-1997), nella traduzione di Cristino G. Sangiglio:

Così immaginai e così promisi,
e un Marzo ho legato al collo
con un nastro di seta bianca e rossa.
Ed ora sto lottando col sole.

Per i bambini,
Marzo bello – Belt

Ecco ecco che è arrivato marzo bello!
Le viole in mezzo al prato
escono fuori con l’ombrello.
Già in un campo un contadino
per voi canta uno stornello;
è fiorito il biancospino
che fa siepe a un campicello.
Marzo è bello,
col cappotto e con l’ombrello,
con le scarpe e col cappello.
Marzo porta il vento e il fiore
e la pioggia e il raffreddore.

Mese di primavera, di rinascita, di poesia. Mentre “i giardini di marzo si vestono di nuovi colori”, il terzo mese dell’anno ricorda i compleanni di Gioacchino Rossini, Chopin ( proprio oggi, 1 marzo 1810), Maurice Ravel, Lucio Dalla, Lucio Battisti, Umberto Tozzi, Antonello Venditti, Ligabue, Riccardo Cocciante: la grande musica nata sotto il segno dei Pesci.

Marzo, mese della mimosa e della primavera, in cui si celebrano la festa della donna e del papà, ci portò la grandezza unica di Michelangelo Buonarroti (6 marzo 1475), scultore, pittore, architetto e poeta italiano; la pittura di Sandro Botticelli, che nacque il 1 marzo 1445 e della Primavera lasciò traccia indelebile.

Marzo è ricco di poesia e letteratura: Alessandro Manzoni, grandissimo scrittore e poeta italiano, nacque il 7 marzo 1785; Henrik Ibsen; il poeta romano Publio Ovidio Nasone (20 marzo 43 a.C.); Torquato Tasso (11 marzo 1544); Pier Paolo Pasolini (5 marzo 1922) e ancora Gabriele D’Annunzio (12 marzo 1863), Gabriel Garcia Màrquez (6 marzo 1928), Tonino Guerra (16 marzo 1920), Umberto Saba (9 marzo 1883) .

Il 25 marzo, Dantedì, iniziò il viaggio di Dante nelle Cantiche della Divina Commedia e si festeggia l’Annunziata a Viterbo.

Marzo, mese di geni e di esploratori: Albert Einstein nacque il 14 marzo 1879 matematico, fisico e filosofo tedesco; Amerigo Vespucci il 9 marzo 1454.

Marzo, mese di cinema e bellezza: la grandissima attrice italiana Anna Magnani nacque il 7 marzo 1908 ; Jean Harlow il 3 marzo 1911; Sandra Milo (Elena Greco) (11 marzo 1935), attrice e conduttrice televisiva italiana; Ursula Andress (19 marzo 1936) – Attrice svizzera; il 9 marzo festeggerà il suo compleanno la bellissima Ornella Muti;
nacque a marzo Bernardo Bertolucci (16 marzo 1941), regista italiano.

L’indimenticabile voce di Bruno Pizzul è nata l’8 marzo 1938 ( giornalista e radiotelecronista italiano) e così la danza di Rudolf Khametovic Nureyev (17 marzo 1938), ballerino russo.

Tanti altri personaggi celebri, dotati di grande sensibilità e passione, nati sotto il segno dei Pesci, nel mutevole mese di marzo, hanno fatto storia. Sarebbe bello, dedicare il mese della primavera alla musica, alla moda, alla letteratura, all’arte, al cinema, ricordandoli, in un grande evento.

Buon mese di marzo a tutti i lettori de La Citta News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *