È Dagospia a riporta la notizia della probabile chiusura anticipata di Live Non è la D’Urso a causa degli ascolti bassi. Mediaset starebbe mettendo in campo un piano di rinnovo palinsesti per la b, collocando, al posto di Barbara D’Urso, il Ciao Darwin serale di Paolo Bonolis.

L’articolo a firma Giuseppe Candela riporta per l’eventuale chiusura il periodo tra fine marzo e inizio aprile: “Il discusso talk show alle prese con i bassi ascolti, tra il 10-12% fino a notte fonda, dovrebbe salutare il pubblico di Canale 5 addirittura tra fine marzo e inizio aprile”.

Già annunciato il cambio di studio

Stando a quanto riportato, la D’Urso dovrà lasciare il presidio domenicale al collega Paolo Bonolis dall’11 aprile, chiudendo il suo ciclo di messe in onda già a partire dalla fine di marzo. Una misura nasata già dal cambio di studio annunciato di recente e dovuto all’esigenza di far risparmiare l’azienda di Piersilvio Berlusconi. Lei stessa si è definita un’aziendalista, dalla risposta immediata quando Mediaset chiama. Questa volta pare che la richiesta sia stata quella di fare un passo indietro, lasciando il campo a una delle trasmissioni più seguite dell’intero palinsesto del Biscione.

La prima serata di Ciao Darwin sarà sicuramente da testare e si capirà se avranno in mente anche di riformulare il format, con la valutazione, semmai, di Ciao Darwin Vip. Il venerdì sera, invece, dovrebbe andare a collocarsi la nuova stagione di Scherzi a parte condotta da Alessia Marcuzzi, terza conduttrice dei serali settimanali insieme a Ilary Blasi (al timone dell’Isola dei Famosi) e Maria De Filippi, in partenza con il suo immancabile Amici serale 2021.

“La trasmissione, che era stata rimpolpata – sul lato politico – dal lavoro dietro le quinte di Emanuela Fiorentino, vicedirettore di Videonews, Siria Magri moglie di Giovanni Toti e di Francesca Fagnani compagna di Enrico Mentana, era nel mirino per gli ascolti spompi” pubblica Dago, dando quasi per certa la recisione del cordone tra la D’Urso e il pubblico flebile della domenica sera.

La petizione per chiudere i programmi di Barbara D’Urso

Lo scorso 31 marzo nacque una petizione online che richiedeva la chiusura dei programmi di Barbara D’Urso. Il fatto avvenne in seguito a un momento televisivo molto discusso: in pieno lockdown, la conduttrice invitò Matteo Salvini a recitare un Eterno Riposo in diretta per le vittime della Pandemia. Nella petizione, firmata da quasi 500mila persone, tra le motivazioni si leggeva:

Purtroppo sappiamo la caratura culturale dei suoi programmi, ma questa volta ha superato il limite invitando in diretta Salvini e PREGANDO in diretta insieme a lui. Ricordiamoci che l’Italia è un paese laico e che abbiamo i nostri luoghi di culto e sacerdoti. Questa operazione ha sfruttato ancora una volta il potere della religione sugli anziani, così da rafforzare la sua personalità e il suo programma, indegno culturalmente.

 

Fonte: Fanpage

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *