Anche per gli studenti delle scuole del comprensorio viterbese delineate le linee guida inerenti gli esami di Stato dell’ultimo anno delle scuole medie e gli esami di maturità per le scuole superiori.

Le linee guida definiscono i contenuti e le modalità attuative degli esami che si terranno a giugno, tenendo nel debito conto la coabitazione con la grave emergenza sanitaria ancora in atto.

Sia per gli alunni di terza media che per quelli dell’ultimo anno delle superiori l’esame verterà su una prova orale imperniata sulla discussione e presentazione di un elaborato.

Come ampiamente previsto non ci sarà nessuna prova o tesina scritta, che sarà interamente sostituita da un colloquio inerente questo elaborato ampio, personalizzato, concordato con congruo anticipo tra gli studenti e il consiglio di classe.

Per quanto riguarda l’esame di terza media, che quest’anno a differenza dell’anno scorso dovrebbe avvenire in presenza, esso si articolerà nella illustrazione e discussione di un elaborato su un argomento che, in maniera interdisciplinare, abbraccerà anche altre discipline di studio, che i consigli di classe assegneranno tenendo nel dovuto conto le caratteristiche personali e il vissuto scolastico di ciascun alunno.

La individuazione degli argomenti sarà fatta dai consigli di classe entro il 7 maggio 2021.

Gli elaborati che costituiranno la prova di esame degli alunni dovranno essere inviati alle commissioni di esame entro il 7 giugno 2021.

I docenti accompagneranno gli alunni nella stesura e formulazione di questi elaborati.

Elaborati che potranno essere in forma scritta, multimediale, potranno consistere in una produzione artistica o tecnico pratica.

L’elaborato potrà avere come argomento una singola o più discipline.

La votazione che l’alunno conseguirà alla fine dell’esame di terza media sarà espressa in decimi, e i più meritevoli potranno conseguire anche la lode.

L’ammissione a poter partecipare agli esami sarà deliberata dal consiglio di classe.

Per quanto riguarda le scuole superiori gli esami di maturità inizieranno il 16 giugno.

La prova di esame consisterà in un colloquio orale inerente la illustrazione e presentazione di un elaborato che sarà assegnato dal Consiglio di Classe.

L’elaborato riguarderà argomenti e discipline facenti parte dell’indirizzo di studio, elaborato che potrà essere integrato con l’apporto di argomenti che potranno coinvolgere le altre discipline di studio.

Come per le scuole medie la ammissione agli esami sarà deliberata dai vari Consigli di Classe.

Da sottolineare che quest’anno, sia per gli esami di terza media che per gli esami di maturità, la partecipazione alle prove Invalsi non sarà valutata come requisito necessario per essere ammessi a sostenere gli esami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *