Nel giorno dedicato agli innamorati, parliamo di un libro nato per affrontare un problema che con l’amore ha poco o nulla a che fare: lo stalking.

Il maresciallo dei Carabinieri Antonio Russo, oltre al libro, ha proposto alla commissione parlamentare un nuovo provvedimento, una nuova legge contro lo stalking, nata dalla sua esperienza personale sul campo e nello studio pluriennale del reato.

Antonio Russo, nel libro “Stalking – La Gabbia”, affronta in modo lucido, competente e approfondito, il problema, proponendo di apportare modifiche alle norme giuridiche che talvolta sono eluse o troppo blande.

Antonio Russo, grazie all’esperienza e con le conoscenze maturate durante la sua attività, ha compreso quali siano gli ostacoli per superare tali “barriere” burocratiche al fine di difendere realmente le donne.

Il titolo stesso è indicativo del “disagio” che vive una vittima di stalking. Questa è infatti costretta a “fuggire” dal cacciatore che la bracca come una preda, la obbliga a cambiare abitudini, numero di telefono, indirizzo e-mail, abitazione, automobile, a guardarsi costantemente le spalle.

Lo stalking può condizionare notevolmente la vita delle persone che ne sono vittime. Spesso si è costretti a subire veri e propri atti di terrorismo psicologico che possono addirittura trasformarsi in aggressioni fisiche.

Lo stalking può provocare nelle vittime gravi sofferenze psicologiche e portarle ad isolarsi socialmente.
È certamente un fenomeno complesso, caratterizzato da forme e sfaccettature molto diverse fra loro. Se osservate singolarmente, le innumerevoli azioni degli/delle stalker spesso non raggiungono la soglia dell’illegalità.

Questo spiega in parte perché le vittime non prendono subito coscienza del fenomeno e avviino un procedimento penale solo in un secondo tempo. Dal punto di vista della prevenzione è tuttavia importante riconoscere quanto prima lo stalking e adottare senza indugio le misure del caso.

Non esiste una risposta univoca in grado di spiegare i motivi che spingono lo/la stalker a comportarsi in questo modo. Lo/La stalker può agire per vendetta, perché pensa di aver subito un torto (una delusione amorosa o un licenziamento), per il desiderio di avere una relazione, per erotomania, odio o per l’impulso di controllare la vittima o di indurla a modificare il proprio comportamento. I motivi possono però anche modificarsi col tempo. Ciò che accomuna tutti gli/le stalker è il desiderio di attenzione vissuto in modo eccessivo.

Lo stalking è presente in tutti gli strati sociali.

La perseguitata (spesso il reato è rivolto verso il genere femminile) diventa preda fino allo sfinimento, fino a quando non cede cadendo ai piedi del proprio persecutore. Talvolta le conseguenze le leggiamo sulle pagine di cronaca nera dei giornali.

Come affrontare e punire tali comportamenti? Cosa devono fare le vittime di stalking? Antonio Russo con il suo libro risponde a queste e altre domande.

L’autore elenca gli accorgimenti a cui attenersi, segnala le condotte condannabili, dispensa consigli e offre spunti di riflessione utili e chiarificatori. Insomma un aiuto a chi si sente appunto chiuso in una gabbia.

Non perdetevi allora le presentazioni del libro in giro per l’Italia.
Casa editrice iQdB edizioni di Stefano Donno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *