Il Premio Strega è ai nastri di partenza. Sono state rese note da poco le prime cinque candidature alla 75esima edizione del Premio Strega, che verrà assegnato nel mese di luglio 2021, al Ninfeo di Valle Giulia, Covid permettendo.

Alla Fondazione Bellonci sono arrivate le prime cinque candidature:

Paolo Di Stefano con “Noi” (Bompiani), Antonella Lattanzi con “Questo giorno che incombe” (Harper Collins), Loredana Lipperini con “La notte si avvicina” (Bompiani), Stefano Sgambati con “I divoratori” (Mondadori) ed Emanuele Trevi con “Due vite” (Neri Pozza).

Due libri sono della casa editrice Bompiani e uno solo del gruppo Mondadori, almeno per ora.
C’è comunque ancora tempo, perché gli Amici della Domenica potranno presentare le loro candidature entro il 5 marzo 2021.

Luca Serianni, linguista e filologo molto conosciuto e apprezzato, ha spiegato, nella motivazione che accompagna la candidatura, che, con libro “’Noi’, Paolo Di Stefano porta a compimento un percorso iniziato in molti dei suoi romanzi precedenti”.
Nel libro si parla di emigrazione dal Mezzogiorno al Nord Italia, del riscatto economico e culturale dei personaggi, di storia italiana con duttilità espressiva.

Lo scrittore Domenico Starnone ha deciso di proporre la candidatura del libro “Questo giorno che incombe” di Antonella Lattanzi,“un giallo avvincente, spiega, rispettoso delle regole di genere”, con una storia d’amore snervante.

Romana Petri ha proposto “La notte si avvicina” di Loredana Lipperini, “un romanzo che ha la qualità indispensabile alla letteratura di pregio: quella di sorprendere”.

Daria Bignardi ha optato per Stefano Sgambati con il suo libro “I divoratori”: è stato scelto essenzialmente perché è un romanzo “molto coraggioso”.

Emanuele Trevi, con “Due vite”, è stato candidato da Francesco Piccolo che dello scrittore ama “le storie, la memoria, la riflessione, le divagazioni e la distrazione”.

Si attendono altre candidature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *