Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera due cittadini su tre hanno giudizi negativi sulla crisi. La valutazione sulla gestione della pandemia da parte del governo è invece positiva

Un italiano su due (47%) si dichiara contrario ad andare al voto, mentre la prospettiva di elezioni anticipate è sostenuta dal 28%. Sono soprattutto gli elettori del centrodestra, in cerca di affermazione, a propendere per il voto. Molti italiani invece sono spaventati dagli eventuali tempi di costituzione di un nuovo esecutivo. Se anche i cittadini fossero chiamati alle urne, la maggioranza per un nuovo governo verrebbe definita dopo l’esito del voto: il rischio, secondo i contrari, è ritardare le misure necessarie per fronteggiare la crisi sanitaria ed economica.

 

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *