Il libro del giorno di oggi vale più di un milione di sterline!

“La banconota da un milione di sterline” è considerato un classico della letteratura americana ma, nonostante questo, non era stato più editato dal 1981 in italia. Ci ha pensato il professor Luca Filipponi, con una versione tradotta dal testo originale con le descrizioni e le
illustrazioni dell’artista Gabriella Sernesi, la grafica di Paola Biadetti (Graus Editore), la prefazione del rettore dell’Accademia Auge prof.Giuseppe Catapano e le note poetiche del direttore del Menotti Art Festival Letteratura Angelo Sagnelli.

La banconota da Un Milione di Sterline di Mark Twain è uno dei libri più interessanti ed esilaranti dell’autore americano.

Il prof. Luca Filipponi ne ha fatta una versione aggiornata, commentata ed illustrata.

Attraverso questa pubblicazione, l’autore Luca Filipponi ha cercato di innescare un dibattito che va oltre le intenzioni di Mark Twain generando un vero e proprio dibattito sul valore del denaro nella società contemporanea con numerosi commenti, riferimenti letterari e opinioni di illustri giornalisti esperti in materia e grandi letterati intervenuti sul tema ( è riportato nel libro anche un celebre discorso di Italo Calvino).

Da questo libro è nato un virtuoso rapporto delle arti (Premio Megaris 2020) che ha portato alla creazione di una pièce teatrale omonima che è già stata rappresentata in 10 importanti manifestazioni culturali e presso molti teatri italiani, biblioteche e sale teatro con la recitazione dell’attore Alessandro Calonaci e con la partecipazione del soprano Tania Di Giorgio, direttore musicale del Menotti Art Festival Spoleto (che si svolgerà dal 24 al 27 settembre 2021).

Per il 2021 sono state programmate diverse tappe sia per la presentazione del libro sia per la rappresentazione teatrale che sta avendo un successo straordinario, al di sopra di ogni aspettativa, tanto che, per il 2021, è arrivata anche una richiesta dalla città di New York.

Luca Filipponi, presidente del Menotti Art Festival, autore e regista della piece teatrale e del libro ha dichiarato:” Questo progetto è il frutto di una interazione culturale e di una sperimentazione che tutti noi del Menotti Art Festival Spoleto abbiamo fatto nostra come una vera e propria attività e metodologia lavorativa ed artistica”.

All’interno c’è anche un’intervista sul valore dei soldi nella società contemporanea a Luca Filipponi a cura del dott. Giovanni Masotti.

La Banconota da un milione di sterline è una storia attuale poiché fa satira sul ruolo del denaro. Il personaggio di Twain si ritrova con una banconota da un milione di sterline, ma potrebbe tranquillamente vivere di rendita poiché, ovunque si presenti, trova difficoltà ad avere il resto. Ci sono però dei maldicenti che non credono che questa banconota sia vera: incaricano una finta donna di fare delle pulizie nell’albergo per verificarne l’autenticità.

Mentre l’interessato sta per entrare in stanza, la donna delle pulizie, per non farsi scoprire, nasconde la banconota sotto il tappeto e di conseguenza la banconota risulta dispersa.

C’è un netto capovolgimento della situazione, poiché, da ricco e famoso, il protagonista si ritrova senza un centesimo e, non solo viene cacciato dall’albergo, ma viene anche lasciato dalla sua donna. Proprio mentre sta lasciando l’hotel e scappando dai creditori, prima di uscire dalla stanza inciampa nel tappeto da dove fuoriesce questa banconota che ha fatto la sua fortuna. Alla fine però, dopo una serie di peripezie, si ritrova a dover rendere la banconota poiché scopre che gli è stata prestata da ricchissimi banchieri inglesi e che la donna a cui si è legato altro non è che la figlia di uno dei banchieri.

La sua riflessione è che in realtà non ha guadagnato nulla materialmente, però, grazie a quella banconota, si è innamorato e così si è ritrovato effettivamente ricco.

La storia è ambientata nella Londra vittoriana.

Lodevole il progetto nel quale le arti si incontrano, si intrecciano e creano nuovi impulsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *