Due persone, marito e moglie, sono morte oggi, 31 gennaio, in un tragico incidente avvenuto sul Monte Vareno, tra le province di Brescia e Bergamo; i due, Fabrizio Martino Marchi, 40 anni, dipendente di una azienda farmaceutica, e Valeria Coletta, 35 anni, impiegata in una finanziaria, sono caduti in un dirupo mentre stavano facendo una passeggiata con la figlia di appena 5 anni e a una coppia di amici.

Inutili i tentativi di soccorso: sono precipitati per diverse centinaia di metri e sono morti sul colpo. Le operazioni di recupero sono state svolte con l’elicottero di Areu decollato da Brescia, sul posto anche carabinieri, Vigili del Fuoco e il Corpo volontari Presolana con l’ambulanza.

L’incidente è avvenuto intorno alle 13 tra il Monte Vareno e lo Scanapà, nella zona del Passo della Presolana, nel territorio del comune di Angolo Terme, in Alta Vallecamonica. Stando a quanto ricostruito le due vittime, originarie di Milano, erano in montagna con la bimba e con una coppia di amici per fare una passeggiata; la famiglia si era fermata in un ostello in Valseriana, il rientro a Milano era previsto per stasera. Si trovavano su una strada sterrata, molto frequentata anche in estate. Nelle vicinanze di un canale ghiacciato, nel quale era scesa una slavina, la donna ha perso l’equilibrio ed è scivolata; il compagno ha cercato di salvarla, ma inutilmente: sono entrambi caduti nel dirupo, precipitando per centinaia di metri. Per i soccorsi sono intervenute le squadre delle Stazioni Cnsas di Breno, V Delegazione Bresciana, e di Clusone, VI Delegazione Orobica, a supporto delle operazioni di soccorso e recupero.

La tragedia è stata ricostruita con la testimonianza della coppia di amici, con cui è rimasta la bambina, che hanno immediatamente allertato il 112 per chiedere aiuto e hanno fatto partire la macchina dei soccorsi. Sono in corso indagini per ricostruire nei dettagli la dinamica. Gli altri escursionisti del gruppo sono tutti illesi. L’intervento si è concluso intorno alle 17. Le salme delle vittime sono state già restituite ai familiari e la piccola è stata affidata ai nonni.

Fonte: Fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *