29 e 30 Gennaio, due giornate di sciopero, lotta e mobilitazione in tutt’Italia!

La crisi sanitaria, ancora pienamente in atto a livello mondiale, ha accelerato e reso ancora più evidenti le contraddizioni strutturali dell’attuale modo di produzione.

Un’emergenza ed un contagio pandemico non casuale, ma strettamente legato al sistema capitalistico e alla sua espansione che, nella sua voracità e predazione, non risparmia alcun ecosistema e nessuna persona.

L’intero sistema produttivo e sociale è stato scosso da questa crisi, la borghesia ha risposto con la retorica dell’unità nazionale e con il tentativo di cooptazione delle classi subalterne da un lato, riaffermando come la tendenza all’accumulazione, propria del capitalismo, non debba essere fermata o rallentata, dall’altro.

Conseguenza evidente sono le politiche messe in atto dai governi nazionali, Conte in primis, che segnano la subordinazione servile alle istanze e alle pressioni padronali, spingendo per misure di tutela del profitto e la socializzazione delle perdite sui proletari, su cui si sono già e si stanno scaricando i costi e che saranno costretti a pagare la futura e inevitabile ristrutturazione produttiva e recessione globale.

In definitiva il padronato sta approfittando della crisi per continuare la propria guerra di classe e regolare i conti con il lavoro: l’offensiva padronale sui salari, sui contratti e sulle complessive condizioni di lavoro è evidente a chiunque.

Questo stato di cose richiama la necessità di porre con forza all’attenzione dei lavoratori e degli oppressi la necessità oggettiva e immediata del superamento del sistema di sfruttamento capitalistico.

Il Patto d’azione Anticapitalista e L’Assemblea delle Lavoratrici e Lavoratori Combattivi, promotori dei due giorni di lotta, sono la prima risposta organizzata e di classe alla borghesia imperialista.

Alle pretese dei padroni contrapponiamo le nostre parole d’ordine: forti aumenti salariali e riduzione generalizzata dell’orario di lavoro, garanzia del salario per disoccupati e precari, NO alla precarizzazione e alla discriminazione salariale e contrattuale nei confronti delle donne!

Ai lavoratori e proletari immigrati diciamo
LOTTIAMO INSIEME PER DIRE:

BASTA AL RICATTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO!

BASTA ALLE FINTE SANATORE!

VOGLIAMO L’ACCESSO ALLE CURE E UNA CASA PER TUTTI!

MAI SCHIAVI!
SOLO LA LOTTA PAGA!

Link evento Facebook:  https://fb.me/e/1TU2iRsNL

SABATO 30 GENNAIO 2021, ORE 10:30
VITERBO, PIAZZA DEL PLEBISCITO (Piazza del Comune)
PRESIDIO SOTTO LA PREFETTURA

Comitato di Lotta Viterbo
S.I.Cobas Viterbo
Classe Contro Classe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *