Vangelo Gv 1,35-42 Videro dove dimorava e rimasero con lui.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Parola del Signore

COMMENTO: La liturgia di oggi ci fa sembrare che tutto succeda per caso, ma sappiamo bene che non è così.  Le cose di Dio semplicemente accadono e non bisogna lasciarsele scappare. I primi discepoli chiedono: “Dove dimori?”. Alla fine scopriranno che il Signore abita dove lo si lascia entrare. Gesù ci invita: “Venite e vedrete”. È un invito a condividere la vita, a camminare insieme, a cambiare lo sguardo sulle cose, sulle persone e sul mondo. Ma Gesù non esamina i due giovani che lo stanno tampinando. Semplicemente li invita a stare con lui. Non li mette alla prova, non indaga. Li invita a condividere la sua vita.  Il cammino inizia con Lui, ma c’è bisogno di tempo per scoprire il mistero della sua persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *