La “ricetta” di un ristorante anconetano che ha aderito all’iniziativa “io apro” ospitando i clienti in agriturismo: “I carabinieri di Corinaldo sono passati più volte ma non potevano multarci”

Luana Rocchi titolare del ristorante La collina dei cavalieri a Belvedere Ostrense si dice soddisfatta della serata di ieri sera. Lei e suo marito hanno aderito all’iniziativa “Io apro” lanciata da un ristoratore pesarese e hanno ospitato 14 clienti nel loro agriturismo per la cena. “La cena è stata un successo – spiega Luana – abbiamo avuto clienti felici di sostenere la categoria e nessuno è stato multato”.

La ristoratrice, infatti, ha inserito tutti i clienti nella lista delle camere presenti nell’agriturismo, così da risultare come se pernottassero nella struttura e non avere problemi con le forze dell’ordine.

“I carabinieri di Corinaldo sono passati più volte ieri sera a controllare – prosegue la Rocci – ma avendo utilizzato l’escamotage delle camere non potevano multarci. E stasera, dato il successo della serata, abbiamo deciso di replicare”.

“Ringraziamo  tutti i clienti e le tante persone che ci stanno sostenendo in questa  battaglia, abbiamo dimostrato di poter offrire il nostro servizio nel pieno rispetto delle norme anti Covid, chiediamo a chi ci governa di lasciarci lavorare per pagare bollette e tasse che continuano ad arrivare”.

Un cliente mi ha detto “Sembra incredibile che mi nonno ha fatto la  guerra, ha rischiato la vita, ed io sto facendo una rivoluzione oggi andando a mangiare fuori”. Questo aneddoto ci ha fatto sorridere ma al tempo stesso riflettere: la nostra guerra, oggi, è rappresentata dal gesto di aprire il ristorante e di servire il cibo. Per cosa? Per  sopravvivere. Tutto questo è assurdo”.

Fonte: Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *