Roma il derby è cosa sacra, anche in piena pandemia in corso, lo sa anche il Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri che tra la crisi di governo e quella dettata dal Covid parla di Lazio-Roma.

“Spero ardentemente che la Roma vinca – dice Arcuri. In questo modo miglioreremmo il nostro umore. Poi speriamo che il nostro umore continui a essere così vivo”.

Parole giudicate sbagliate e fuori luogo non solo dai tifosi della Lazio che si sono sentiti implicitamente chiamati in causa dall’Arcuri tifoso. “Se vince la Lazio peggiora l’umore? Di chi?”, avranno pensato in molti. Magari è così, il derby a Roma batte il virus almeno per un giorno (due se contiamo il giorno dopo che i romani usano per “smaltire il derby”), ma che in piena emergenza il commissario Arcuri parli di migliorare l’umore della gente con una partita di calcio, forse è troppo anche per i rimani.

Arcuri parla del derby e Lotito gli risponde così

Le parole di Arcuri non sono state per nulla apprezzate dal presidente della Lazio Claudio Lotito, che all’Adnkronos ha replicato: “Prendiamo atto che al commissario Arcuri non manca occasione per professare la sua fede calcistica. Ma quella di oggi è una battuta davvero infelice in un contesto totalmente sbagliato. Credo che il commissario straordinario – prosegue il patron biancoceleste – abbia altre priorità per migliorare l’umore degli italiani che meritano tutti, indipendentemente dalla fede calcistica, rispetto e considerazione”. Questa volta ha ragione Lotito.

Contro Arcuri anche il giornalista, ed ex capo della comunicazione e delle relazioni esterne della Lazio, Guido Paglia che non ci è andato giù per il sottile: “Dal suo punto di vista, il super commissario Arcuri ha perfettamente ragione ad augurarsi che accada qualcosa in grado di migliorare il suo umore, visto che di questi tempi di motivi per essere preoccupato e imbarazzato ne ha parecchi”. (Fonti Ansa e Adnkronos, video Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *