Per i social network risveglio brusco in Borsa all’apertura della seduta di lunedì 11 gennaio.

Dopo aver sospeso l’account Donald Trump Twitter affonda a Wall Street all’avvio delle contrattazioni. I titoli della società che cinguetta perdono il 10,12%.  In calo anche Facebook, che cede il 3,30%. Venerdì scorso il social media ha escluso in modo permanente il presidente uscente degli Usa, Donald Trump. Il quale – come ricorda Bloomberg – ha oltre 88 milioni di persone che seguono il suo account.

Inevitabili dunque le ripercussioni dopo i fatti del 6 gennaio e la decisione dei social network di estromettere l’ex presidente Usa dalle piattaforme di Twitter e Facebook: un’azione che potrebbe aver generato incertezza anche negli investitori. La mossa di bannare il tycoon è stata giustificata dal timore che nuovi messaggi diffusi da Trump potessero istigare alla violenza i suoi sostenitori più estremi, ma non è stata accolta da tutti con favore. Gli stessi sostenitori hanno accusato le piattaforme di censura.

Fonte: Il Tempo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *