San Silvestro, anche in tempo di Covid, ha i suoi riti “Non è vero ma ci credo”: visto che la fortuna è cieca e prima o poi troverà la strada per raggiungerci, ecco alcuni suggerimenti per cercare di darle una spintarella verso di noi.

LENTICCHIE E TAMPONE – Sì alle lenticchie che portano soldi e anche allo zampone o il cotechino, ma anche al tampone per stare a cena con i congiunti più tranquillamente.

COSA MANGIARE – La melagrana, simbolo di fertilità e buona sorte, è ben gradita a tavola.
Immancabile l’uva: mangiamone dodici chicchi mentre scoccano i rintocchi della mezzanotte.
E poi frutta secca, dolci e spumante su una bella tavola apparecchiata di rosso o di blu, con oro e argento.

BACIARSI SOTTO IL VISCHIO – È una tradizione molto diffusa, ma, per quest’anno, è meglio non farlo: gli abbracci e i baci sono altamente sconsigliati, causa Covid, a meno che non si tratti di un “affetto stabile”, con il quale si condividono anche gli altri giorni dell’anno, fra quarantene e tamponi.

Si potrebbe magari donare un rametto di vischio alla persona del cuore o appenderlo all’entrata dell’abitazione.

COSA INDOSSARE – Niente abiti da sera, paillettes e cotillons. Con l’addio ai veglioni e alle feste, meglio una calda vestaglia di colore vermiglio e, naturalmente, biancheria rossa. Il primo dell’anno, sì a calze o vestiti nuovi, anche per stare in casa.

PICCOLI DONI- Dopo i regali di Natale, alcuni usano scambiare piccoli doni anche a Capodanno: amuleti, braccialetti portafortuna, biglietti della lotteria, biancheria rossa di buon auspicio.

I BOTTI – Con moderazione, per non spaventare gli animali, si attende una fine dell’anno col botto: sembra che festeggiare facendo rumore allontani gli spiriti maligni, cedendo il posto alla buona sorte. Lo scorso anno non è servito, quindi evitiamo di farlo.

FALÒ E FUOCHI- Il fuoco è un elemento che da sempre indica purificazione fin dalla notte dei tempi: un bel caminetto acceso dona una calda atmosfera di festa.

ROMPERE I PIATTI – Rompere vecchi cocci e piatti ha lo scopo di cacciare i demoni ed è un’usanza molto diffusa nel Sud d’Italia.

Auguri di un anno sereno a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *