Alla fine ha vinto la linea dura, quella dei cosiddetti “rigoristi”. Durante le vacanze natalizie ci sarà una stretta importante delle misure restrittive su tutto il territorio nazionale.

Nel periodo tra il 24 dicembre e il 6 gennaio l’Italia diventerà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi, mentre sarà arancione nei giorni feriali. Quindi 24, 25, 26 e 27 dicembre saranno colorati di rosso, poi 28, 29 e 30 dicembre saranno arancioni. E ancora l’Italia tornerà ad essere zona rossa il 31 dicembre, 1, 2 e 3 gennaio, poi il 4 gennaio sarà arancione e infine il 5 e il 6 gennaio il Paese tornerà ad essere nuovamente rosso. C’è la deroga per invitare due persone non conviventi a casa propria, con i minori di 14 anni che sono esclusi dal conteggio. Durante il periodo delle festività, ma solo nei giorni feriali, ci sarà anche la possibilità, per chi abita in un piccolo Comune sotto i 5mila abitanti, di spostarsi entro un raggio di 30 chilometri, ma senza andare nei capoluoghi di Regione. Viene risolta così la lunga polemica sul rischio di rimanere bloccati e soli nei piccoli Comuni.

Cosa si potrà fare nei giorni in zona rossa

L’Italia sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi delle prossime settimane: 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. In queste date saranno in vigore le regole del colore con le misure restrittive più stringenti: stop a qualsiasi tipo di spostamento, salvo per chi ha comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute, casi che andranno giustificati – in caso di controllo – con l’autocertificazione. C’è la deroga per ricevere due persone non conviventi a casa, esclusi i minori di 14anni che non vengono conteggiati. In zona rossa chiudono i negozi, bar, ristoranti, pub e pasticcerie, che però possono fare servizio d’asporto e consegna a domicilio. Restano aperti i servizi essenziali, supermercati, alimentari, farmacie e parafarmacie, tabacchi, edicole. Tutti gli esercizi commerciali che vendono beni di prima necessità. Resta in vigore il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5 di mattina, allungato il giorno di capodanno alle 7. Lo sport e l’attività motoria sono consentiti in forma individuale e vicino casa.

Le regole per i feriali in zona arancione

L’Italia sarà zona arancione nei giorni feriali del periodo natalizio: 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio. Le regole saranno diverse in queste date, rispetto a festivi e prefestivi, si potrà uscire liberamente di casa ma senza varcare i confini comunali. I negozi di commercio al dettaglio possono tirare su le saracinesche, ma non possono farlo bar, ristoranti, pub e pasticcerie, che però potranno fare servizio d’asporto e consegna a domicilio. Resta in vigore il coprifuoco notturno, dalle 22 alle 5, e tutte le altre regole vigenti sul territorio nazionale: mezzi pubblici con capienza ridotta al 50%, chiusura per cinema, teatri, musei, mostre, ma anche piscine e centri sportivi. L’attività motoria si può svolgere, sempre da soli e senza assembramenti in tutto il territorio comunale.

 

Fonte: Fanpage

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *