Solinas: “Evento catastrofico, tre volte superiore per potenza all’uragano di sette anni fa

Sardegna in lutto e sotto choc per la tragica ondata di maltempo, emergenze e danni si registrano in tutta l’Isola (IL RESOCONTO), ma il Comune più colpito è quello di Bitti, che piange ben tre vittime.

Il presidente della Regione Christian Solinas ha presieduto nel pomeriggio un vertice nella sede della Protezione Civile Regionale che coordina le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dall’alluvione che si è abbattuta su vaste zone dell’Isola.

“Tutta la macchina dei soccorsi regionale – ha detto Solinas – è mobilitata per fronteggiare l’emergenza, con centinaia di uomini in campo e decine di mezzi, che si affiancano a quelli dei vigili del fuoco”.

“Il nostro primo pensiero – ha aggiunto il governatore – va alle persone che hanno perso la vita e che risultano ancora disperse a causa di un evento catastrofico, il più grave degli ultimi decenni, di potenza 3 volte superiore all’uragano che 7 anni fa provocò numerose vittime e ingenti danni”.

“La Regione – prosegue Solinas – è al fianco delle comunità colpite, in particolare quella di Bitti, e si adopererà con ogni mezzo per la ripresa delle normali attività”.

Solinas ha anche convocato una riunione straordinaria della Giunta Regionale, proclamando lo stato di emergenza, in base alla Legge Regionale 3 del 1989.

“La Giunta presenterà in aula, lunedì, un emendamento all’assestamento di bilancio per destinare i primi fondi a sostegno delle attività danneggiate, per le quali saranno avviati gli accertamenti”, conclude Solinas, che a nome dei sardi ha ringraziato i numerosi rappresentanti delle istituzioni che in queste ore hanno manifestato la loro solidarietà e vicinanza alla Sardegna.

La devastazione a Bitti (L’Unione Sarda – Renzo Gualà)

“Purtroppo, nel comune di Bitti sono decedute alcune persone. Il mio pensiero ed il mio cordoglio va alle loro famiglie. La Regione sarà vicina concretamente a tutte le comunità coinvolte”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.

Il coordinatore della Lega in Sardegna Eugenio Zoffili ha detto che il Carroccio è pronto a chiedere al Governo “un intervento significativo in termini di risorse e investimenti per riparare i danni subiti in queste maledette ore”.

“La Sardegna vive ancora una tragedia e ore drammatiche a causa del nubifragio che si è abbattuto in queste ore nella nostra isola. Le notizie che arrivano da Bitti e da diversi centri della Sardegna creano grande preoccupazione e sgomento. Purtroppo piangiamo già tre vittime.

Bisogna da subito aiutare le popolazioni e i territori che hanno subito danni gravissimi da questa ondata di maltempo e sarà questo un compito immediato della giunta e del consiglio regionale”, dice invece Antonello Peru, coordinatore di Cambiamo.

Per quanto riguarda il quado complessivo dell’emergenza in Sardegna, “abbiamo una situazione molto critica in alcuni territori e in queste ore il fronte emergenziale si sposta nei territori della Gallura – spiega l’assessore regionale alla Protezione civile Gianni Lampis – Perciò, già da ieri, abbiamo contattato tutti i sindaci, affinché attivassero i Centri operativi comunali (Coc) per attuare le misure preventive indicate nei Piani comunali di Protezione civile. Come indicato nell’ultimo bollettino diramato dalla Protezione civile, fino alle 6 di domattina tutta la Sardegna sarà zona rossa per rischio idrogeologico. Quindi, massima cautela negli spostamenti, che vanno effettuati solo se strettamente necessari”.

 

Fonte: Unione Sarda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *