Prolungare la didattica a distanza per i licei fino a gennaio: è quanto avrebbero chiesto i presidenti di Regione al governo nella riunione con Boccia e Speranza, secondo quanto si apprende.

Una posizione più dialogante sarebbe stata espressa dal governatore della Toscana Eugenio Giani che si è detto favorevole alla riapertura almeno per le seconde e terze medie.

Da quanto si apprende dunque la data del 9 dicembre, proposta ieri dalla ministra Lucia Azzolina ai sindaci, sarebbe stata per ora “bocciata” dalle Regioni.

“Un’idea strampalata”

Totalmente contraria alla riapertura prima di Natale è la posizione di Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, che in conferenza stampa ha detto: “Penso che sia rischioso aprire per chiudere subito dopo, si apre per una manciata di giorni, val la pena di rischiare per fare un flash pre natalizio?”. Per Zaia è preferibile concentrarsi al dopo Epifania.

E ancora contrario si è mostrato nelle scorse ore il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che reputa il rientro il 9 dicembre “un’idea strampalata” e spiega perché: “dovremmo riaprire le scuole superiori per sette, dico sette, giorni al netto del weekend, così da dover mettere in isolamento gli eventuali positivi proprio a Natale”.

“Le regioni unanimemente hanno ritenuto di suggerire al governo di procrastinare al 7 gennaio ogni riapertura della didattica in presenza per chi è ancora oggi in didattica a distanza”. Ha detto nel punto stampa quotidiano sul covid Toti dopo la riunione tra i ministri Boccia, Speranza e la conferenza regioni, l’Anci con Decaro e le province italiane. “In assenza di un programma di scaglionamento degli ingressi e in assenza di un servizio pubblico che oggi prevede capienza al 50% e andrebbe ritoccata”, ha spiegato il governatore.

In effetti, stando al calendario scolastico deliberato dalle Regioni, subito dopo il ponte dell’Immacolata ci sono le vacanze natalizie: per alcuni iniziano il 23 (Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia e Umbria), per altri il 24 (Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Trentino Alto Adige, Toscana, Valle d’Aosta e Veneto), per poi rientrare in aula direttamente dopo l’Epifania.

Chi riguarda il rientro a scuola

Il rientro a scuola, su cui è ora al lavoro il governo, riguarda i ragazzi delle scuole superiori di tutto il Paese più le seconde e terze medie delle zone rosse, ovvero Abruzzo, Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, la Provincia Autonoma di Bolzano, Campania, Toscana.

Verso il nuovo Dpcm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *