Dopo le polemiche, è arrivato il dietrofront: Telefono Azzurro ha deciso di ritirare lo spot #primaibambini dopo che il contenuto del filmato aveva scatenato le polemiche degli amanti degli animali.

Nelle immagini si vedeva un uomo che, in un condominio colpito da un incendio, trovava due bambini e un cane impauriti in un appartamento in fiamme. Ma invece di salvare tutti, prendeva in braccio solo l’animale lasciando lì i due “piccoli umani”.

Immediate le polemiche nate da questa contrapposizione fra bambini e cani, uno spot che lasciava spazio a dubbi e interpretazioni rispetto al messaggio che l’associazione che difende i diritti dell’infanzia che aveva pensato di dare:  «Purtroppo non siamo riusciti a trasmettere il messaggio che abbiamo a cuore, quello di portare l’attenzione sul tema della sicurezza dei bambini e della tutela dei diritti dell’infanzia in questa emergenza sanitaria – scrive Telefono Azzurro in una nota – . Attraverso il video realizzato a titolo gratuito in occasione della Giornata Internazionale dell’Infanzia, Telefono Azzurro voleva attirare l’attenzione sul tema dei bambini, troppo trascurati in questa emergenza sanitaria».

Ma questo messaggio non è stato però così compreso da centinaia di persone, amanti degli animali o meno, che hanno invece visto in quello spot e in quell’hashtag #primaibambini, quasi un puntare il dito su chi si prende cura anche dei cani.

Anche per questo l’associazione chiede apertamente scusa: «Non intendevamo creare alcuna contrapposizione tra i bambini e le categorie vulnerabili: sarà nostro impegno rimuovere il video, poiché abbiamo compreso che il coinvolgimento del cane ha turbato la sensibilita’ di molti e di questo ci scusiamo».

Il video è stato dunque ritirato dalla campagna, dai social network di Telefono Azzurro e dall’agenzia di comunicazione che lo aveva ideato.

 

Fonte: https://www.ilsecoloxix.it/animal-house/2020/11/23/news/telefono-azzurro-ritira-lo-spot-primaibambini-un-errore-coinvolgere-il-cane-ci-scusiamo-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *