È morta Jole Santelli la presidente della Calabria. Aveva 51 anni e aveva parlato della sua battaglia contro la malattia, aveva un tumore

 Jole Santelli, prima donna presidente della Regione Calabria, è morta improvvisamente giovedì mattina nella sua abitazione, a Cosenza. Santelli, 51 anni, era malata di tumore. Secondo quanto apprende l’Ansa da fonti mediche, sarebbe morta per un’emorragia interna causata dalle patologie tumorali di cui soffriva da tempo («Si è spenta serenamente questa notte nella sua casa di Cosenza», si legge in una nota della Regione Calabria). Ex parlamentare di Forza Italia, era stata eletta a gennaio scorso nelle fila del centrodestra.

In queste ultime settimane era stata impegnata in prima persona nella gestione dell’emergenza Coronavirus in Calabria. Non era affatto apparsa affaticata, anzi fonti vicine alla presidenza sostengono che la Governatrice, in questi giorni, aveva come sempre lavorato sino a tarda ora per mettere a punto la macchina organizzativa della Regione. Mercoledì sera, a poche ore dalla sua morte, Santelli aveva rilasciato un’intervistata al cronista del quotidiano tedesco Die Welt. «Se ne andata serena, con la grande dignità che l’ha sempre contraddistinta e con la forza d’animo di una combattente», ha detto Giampaolo Calabrese, il suo braccio destro alla segreteria della Regione Calabria.

 

L’ultima uscita pubblica di Santelli risale a qualche giorno fa alla Cittadella regionale in occasione della presentazione di Giovanni Minoli, direttore di Calabria film Commission. Era apparsa un po’ dimagrita, ma comunque abbastanza spigliata e sorridente. La scomparsa della presidente Santelli apre adesso scenari politici indecifrabili in Calabria. C’è un precedente, però, nella regione. Nel 2014 l’allora presidente della Regione di Giuseppe Scopelliti si dimise per l’effetto della legge Severino, dopo una condanna per abuso e falso. Il suo posto fu preso dalla vice presidente Antonella Stasi che restò in carica sino alla fine della legislatura. Oggi gli scenari potrebbero essere diversi. La Regione adesso sarà governata dal vice presidente Antonino Spirlì, leghista, che nelle ultime settimane è balzato agli onori della cronaca per aver detto: «Userò i termini negro e frocio sino all’ultimo dei miei giorni».

 

In tanti hanno voluto ricordare il suo impegno. «Un dolore profondo pervade tutta la comunità di Forza Italia. Perdiamo una amica,una grande Donna,una protagonista della politica italiana, amata dal suo popolo calabrese al quale ha dato tutta la sua vita», ha scritto su Twitter Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia. «Sono addolorato, eravamo amici da una vita», ha aggiunto il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, confermando la notizia. «Jole è stata il stata il mio vicesindaco, mi è stata sempre vicina, una donna di una forza incredibile, non ho parole».

Fonte: https://www.corriere.it/cronache/20_ottobre_15/jole-santelli-morta-presidente-calabria-c11ddc56-0eb6-11eb-9774-eb4dcac879cb.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *