LUCCA. Mancano cinque minuti alle 13 quando, con un tasso alcolemico pari a 1,9 grammi litro, investe una ragazza che percorreva in bicicletta il tratto che conduce al Cortile degli Svizzeri e a piazza Napoleone e incoccia anche contro un’altra vettura.

Il conducente – un volontario di 58 anni che in passato era stato seguito dai servizi sociali – non è al volante di un’auto, ma è alla guida di un’ambulanza della Misericordia di piazza San Salvatore. Un mezzo di soccorso che richiede ancora più attenzione e lucidità anche perché spesso trasporta persone ferite o in gravi condizioni.

Fortunatamente il mezzo viaggia sotto i trenta chilometri orari e l’impatto è modesto. La giovane donna, che resta sempre cosciente, finisce a terra e viene trasferita al pronto soccorso del San Luca in codice giallo. Se la cava con un trauma agli arti inferiori e tanta paura. Ma la polizia municipale, supportata dai carabinieri, dopo aver sottoposto per ben due volte ad alcoltest il conducente dell’autolettiga (risultato sempre positivo) hanno proseguito gli accertamenti. Sarebbe emerso, ma la vicenda è ancora al vaglio della polizia municipale, che al volontario tre anni fa venne revocata la patente. Se la notizia avesse un riscontro probatorio allora l’utilizzo del cinquantottenne con problemi legati all’uso di alcolici al volante di un mezzo di soccorso sarebbe davvero degno di censura.

Tra l’altro, stando ai primi accertamenti delle forze dell’ordine che riferiranno all’autorità giudiziaria, emerge che il volontario vive da solo in un appartamento messo a disposizione dall’associazione di volontariato e che in passato aveva avuto qualche problema durante il servizio. Al momento è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e, in considerazione del tasso alcolico la legge, in caso di condanna, prevede un’ammenda a da 1.500 a 6.000 euro, l’arresto da 6 mesi a un anno, la sospensione della patente da uno a due anni con il periodo raddoppiato nel caso in cui il veicolo appartenga ad una persona diversa come nel caso di specie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *