Quest’inverno, mentre il mondo combatteva la pandemia da Covid-19, una battaglia peraltro ancora aperta, Santiago Morales, un bambino di appena quattro anni, combatteva, invece, la sua battaglia personale contro un mostro chiamato cancro e dopo un lungo trattamento di 90 sedute di chemioterapia effettuate proprio durante l’emergenza sanitaria, ha sconfitto il male.

Nel racconto dei genitori, riportato da Telemundo, il piccolo Santiago è stato descritto come un bambino sano e sempre molto attivo, fino a quando la sua vita, nel gennaio del 2020, è cambiata dopo la triste diagnosi che denunciava la presenza della leucemia.

Questa è un cancro del sangue e del midollo osseo, di solito peggiora rapidamente se non viene trattato e secondo il National Cancer Institute, è il tipo più comune di cancro tra i bambini.

A causa della crisi sanitaria dovuta alla pandemia, le restrizioni in ospedale hanno reso ancora più complicata la situazione che la famiglia Morales stava attraversando, poiché entrambi i genitori non potevano stare nella stessa stanza del piccolo e non potevano ricevere visite per condividere il loro dolore e le loro preoccupazioni.
Tuttavia, questo non ha fermato Santiago e, dopo otto mesi di trattamento, 30 giorni in ospedale e 93 cicli di chemioterapia, il bambino ha superato la malattia ed è stato dimesso.

«Siamo in una fase in cui non si può credere che il trattamento sia finito completamente, che non dovrà più fare chemioterapia, che non soffrirà più, che non piangerà più, che è del tutto fuori dalla malattia», ha raccontato il padre del piccolo, Ricardo Morales.

Per ora, Santiago è in remissione, tuttavia dovrà sottoporsi a controlli medici per i prossimi due anni prima di affermare ufficialmente di essere libero dal cancro.

 

Fonte: https://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/bambino_di_quattro_anni_sconfigge_cancro_dopo_90_chemioterapie-5492415.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *