Terrore a via Scarlatti, nel cuore del Vomero. Poco dopo le 12.30, mentre una poderosa tempesta di vento infuriava in tutta la città, il tronco di uno degli enormi alberi che caratterizzano la principale arteria pedonale del Vomero s’è spezzato ed è precipitato al suolo colpendo alcune auto in sosta.

Miracolosamente illesi i passanti che, fortunatamente, a causa delle potenti raffiche d’acqua cercavano riparo nei negozi vicini. Quasi completamente distrutte almeno tre auto.

I vigili del fuoco stanno intervenendo per liberare le auto dal peso dei rami e per mettere in sicurezza la zona, ma gli interventi sono notevolmente complicati dalle decine di segnalazioni simili che stanno arrivando da ogni parte della città. Anche in via Tasso, a pochi passi da largo Madre Teresa, un albero è caduto al solo.

Il problema della mancata manutenzione degli alberi – in particolare le mancate potature e i mancati sfoltimenti delle pesanti chiome – torna prepotentemente di attualità nella prima vera giornata di maltempo. Di sicuro un pessimo segnale per l’autunno che comincia a farsi sentire.

«La mancata manutenzione degli alberi è un vero e proprio attentato alla pubblica incolumità – l’ira di Maria Teresa Ercolanese del comitato Gazebo Verde – e siamo fermamente convinti che il Comune sia responsabile per quanto sta accadendo. Da mesi inviamo segnalazioni quotidiane sulla necessità di manutenere gli alberi, nessuno si è mai degnato di ascoltare. Adesso ci troviamo di fronte ad una tragedia sfiorata che deve far riflettere chi ha serie responsabilità ma vuole mascherare le sue inefficienze dietro il furto di un paio di furgoni – l’attacco – una cosa che offende l’intelligenza di chi la ascolta ma che dimostra chiaro e tondo quale sia lo sfascio circa la gestione del verde pubblico. Adesso di sicuro verranno fuori con un altro piano di abbattimenti. Noi crediamo, invece, che gli alberi non vadano abbattuti, ma semplicemente curati. L’autunno è arrivato – conclude – a gli interventi di manutenzione sono fermi al palo come sempre. E come sempre i cittadini napoletani dovranno fare affidamento alla buona sorte per non essere colpiti dagli alberi che cadono non appena c’è una giornata di vento».

FONTE: Il Mattino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *