Da mesi lʼanimale passa giornate davanti al negozio, nonostante abbia una sua casa. E subito sui social è scattato il paragone con il fedele cane giapponese

La conoscono tutti a San Marino la gatta Lilla. Da mesi staziona per intere giornate davanti al supermercato dove accompagnava la sua padrona che non c’è più. I commessi la sfamano e sanno che una casa ce l’ha. Perché Lilla, alla morte della sua amata proprietaria, è stata adottata da una nipote. Eppure il gatto preferisce una vita da mezzo randagio, rannicchiato davanti a quelle porte scorrevoli, aspettando chi da lì non uscirà. Una storia riportata alla ribalta da un passante, che ha subito associato la vicenda a quella del leggendario cane giapponese Hachiko, il quale attendeva il suo padrone alla stazione, anche dopo la sua morte.

“Lilla vive nella nostalgia del passato” – Una volta che la vicenda di Lilla ha oltrepassato i confini di San Marino, è stato lo stesso autore del post che la segnalava, Andrea Magnani, a fornire sul fedele animale dal collarino rosa maggiori informazioni.

“L’ha adottata la nipote della sua padrona che è morta – scrive Magnani a chi gli chiede conto della situazione. – Hanno provato anche a portarla a casa, ma lei vive così, davanti all’alimentari, e si aggira nei paraggi fra bar ed altri negozi adiacenti”.

 

“Si lascia accarezzare – precisa, – ma, come si nota, non si cura più del suo pelo come farebbe un altro gatto. Vive probabilmente nella solitudine e nostalgia del passato, perché nella sua vita, per ben 11 anni, era in compagnia di questa signora che non c’è più”.

Fonte:https://www.tgcom24.mediaset.it/animali/lilla-come-hachiko-la-gatta-di-san-marino-che-aspetta-davanti-al-supermarket-la-padrona-che-non-c-pi_23223207-202002a.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *