Napoli –  “Ottime notizie oltreoceano dal trial di fase III Empacta che ha valutato l’efficacia del Tocilizumab in aggiunta alle terapie standard rispetto alle sole terapie standard.

Il Tocilizumab si è mostrato utile nel ridurre del 44% il rischio di andare incontro a ventilazione meccanica o morte rispetto a chi non ha ricevuto il farmaco”. Queste le parole di Paolo Ascierto dopo i risultati dello studio di Roche sull’efficacia del Tocilizumab. “Questo risultato – continua Ascierto – avvalora quella che è stata la nostra impressione sul campo, ovvero l’utilità del tocilizumab nel ridurre il rischio di aggravamento nei pazienti in subintesiva, quando vi è una vera e propria tempesta citochinica in corso, dimostrando che questo sottogruppo di pazienti può trarre beneficio dal trattamento con anti-interleuchina”.

“Lo studio EMPACTA ha dimostrato che Actemra / RoActemra può ridurre la necessità di ventilazione meccanica in pazienti con polmonite associata a COVID-19, un risultato importante in questa grave malattia”, ha affermato Levi Garraway, MD, Ph.D., Chief Medical Officer e Responsabile dello sviluppo prodotto globale. “Abbiamo in programma di condividere questi dati importanti con la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e altre autorità sanitarie in tutto il mondo”.

Lo studio è il primo studio clinico globale di fase III COVID-19 ad arruolare principalmente popolazioni di pazienti che sono spesso sottorappresentate negli studi clinici e sono state colpite in modo sproporzionato dalla pandemia COVID-19. Circa l’85% dei 389 pazienti proveniva da minoranze razziali ed etniche. La maggior parte dei pazienti era ispanica, con una significativa rappresentanza delle popolazioni native americane e nere. Lo studio è stato condotto negli Stati Uniti, Sud Africa, Kenya, Brasile, Messico e Perù.

“Ci siamo sforzati di migliorare l’inclusione e la diversità nelle nostre prove”, ha detto Jamie Freedman, MD, Ph.D., Capo degli affari medici degli Stati Uniti. “Durante la pandemia COVID-19, abbiamo visto quanto fosse alta la posta in gioco per molte comunità di colore e abbiamo reso la diversità il fulcro di questo processo”. Lo studio EMPACTA si basa sul lavoro di Roche in Advancing Inclusive Research , un’iniziativa statunitense inter-organizzativa per aiutare ad affrontare le barriere nella ricerca clinica per gruppi etnici e razziali sottorappresentati.

 

Fonte: https://www.anteprima24.it/napoli/coronavirus-promossa-cura-ascierto-tocilizumab/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *