L’ipermercato dovrebbe passare sotto l’insegna Conad, che ha acquisito la catena francese, entro novembre: “Esempio di Casal Bertone e piano chiuso non sono buone premesse, azienda ricollochi tutti gli addetti”

Corridoi al buio, scaffali vuoti e casse inoperative: si spegne l’Auchan di Porta di Roma, uno dei quattro ipermercati della catena francese che, acquisita con una maxi operazione da Conad, passeranno sotto l’insegna con la margherita. Se la transizione dei supermercati in molti casi ha fatto registrare difficoltà nella tenuta occupazionale, sin dal principio è stato chiaro che le grandi superfici avrebbero rappresentato l’anello debole dell’acquisizione con Conad intenzionata a ridurre gli spazi e frazionare le licenze.

All’Auchan di Casal Bertone 52 lavoratori a rischio licenziamento

A passare indenne a Conad solo l’ipermercato di Collatina, con gli altri tre a Roma e dintorni a dover far fronte ad un futuro di incertezze. Lo sanno bene i lavoratori dell’ex Auchan di Casal Bertone: dei 199 lavoratori attuali, saranno solo 130 quelli che troveranno posto nel nuovo supermercato di Conad. Ancora in via di definizione i criteri per individuare chi sarà “salvato”. E se 17 hanno già dato la preadesione alla mobilità volontaria, resta da capire quale sarà il futuro per ben 52 addetti.

Porta di Roma, si spegne l’Auchan

A Fiumicino la trattativa non è ancora iniziata, così come a Porta di Roma dove però la chiusura di un intero piano dell’Auchan all’interno del centro commerciale catapulta in allarme i lavoratori. Circa 300 in tutto, di cui 50 hanno già firmato la preadesione all’uscita incentivata. Resta da capire la sorte di coloro che saranno considerati in esubero.

Il passaggio sotto l’insegna di Conad è previsto entro novembre “ma – dice a RomaToday Alessandro Contucci, segretario regionali della UilTucs Roma e Lazio – essendo già stato chiuso un piano ci saranno sicuramente degli esuberi. La situazione purtroppo non sembra molto diversa da quella di Casal Bertone”.

L’unica nota positiva il contesto con i locali di Porta di Roma, centro commerciale tra i più grandi d’Europa, ad essere molto ambiti: “Finchè Margherita Distribuzione non aprirà la procedura di cessione del ramo d’azienda non possiamo avere certezze sui numeri. Non sapendo chi prenderà la restante parte di grande superficie dobbiamo solo augurarci che il personale, nel suo complesso, possa essere ricollocato: nel perimetro aziendale di Conad o altrove, magari negli store che prenderanno il posto nel piano ‘spento’ di Auchan”. 

 
Fonte: https://www.romatoday.it/politica/auchan-porta-di-roma-chiuso-un-piano-lavoratori-a-richio-esubero.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *