A SANTA ROSA

Pe peppè..pe peppè…

quanno da fija sentivo

sta’ trombetta,

ce lo sapevo,

de Santa Rosa

arrevava la festa.

Currevo giù

 ma la svorta pe veda

sto fermento,

   l’ometto co pulcinella

 che sonava senza posa,

                                                  

quell’antro col palloni

legate ma la vita,

che ‘gne tanto quarcheduno

ije pijava via.

 Co lo sguardo lo seguivo

 finanche che poteo

 speranno c’arrevasse

 sul mal celo,

 tra le mano de

  quarche angioletto.

 A Piazza del Sacrario

ce crompavo

‘l zucchero felato,

‘npo’ più

 ciadereno le ggioche,

 che t’ambriacaveno

 de sone, luci e mille colore.

Aspettavo stà festa

 con tanta emozzione,

‘npo’ pe fa cagnara,

volà sull’arioplane,

veda camminà ma Veterbo,

 ‘n sacco de cristiane.

 

Mo, un po’ d’anne so passe,

  so’ mezza scinecata,

  giù ma le ggioche ce vo’

   co’ la fantasia,

                                       

ma pirò aspetto il 3 Settembre

con ‘n sacco d’emozzione

e quanno Santa Rosa

 me passa davante,                     

ije raccomanno

de prutegge tutte quante.           

ROSANNA  DE MARCHI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *