Ore 17,30 del 20 agosto 2020.
Arriva al Comune di Nepi Carla Fracci, più leggera dell’aria, elegante, raffinata con un completo di pizzo bianco impreziosito da dettagli rossi. Delicata, più lieve di un sospiro, con la pelle chiara, di porcellana.

Sì, Carla Fracci, la ballerina classica italiana più nota al mondo, nella sua lunga ed eccezionale carriera, ha danzato sui palchi più prestigiosi di tutto il mondo al fianco di altri grandi della Danza internazionale.

Il 20 agosto festeggia il suo compleanno in modo speciale quest’anno: riceve la cittadinanza onoraria di Nepi e inaugura il Festival internazionale della danza e delle danze.

Dopo due anni di assenza il Festival ritorna nella sua sede di origine, Nepi, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale e dal Sindaco Franco Vita.

L’apertura ufficiale vede quindi la prestigiosa presenza di Carla Fracci, che, per l’occasione, viene omaggiata dal Sindaco di Nepi della cittadinanza onoraria, insieme al direttore artistico del Festival Maria Pia Liotta.

A festeggiare il compleanno di Carla Fracci, oltre al Sindaco, al vice Sindaco, all’assessore alla Cultura e agli esponenti dell’amministrazione comunale e agli organizzatori del Festival, la Banda musicale del comune “Enrico Gai”, diretta dal maestro Professor Giovanni De Lorenzo.
Carla Fracci si racconta, davanti alle persone presenti nella sala del Comune, con quella semplicità e naturalezza propria di una grande artista.

Uno scritto personale di Madre Teresa di Calcutta, inviato alcuni anni orsono a Carla Fracci e gelosamente conservato, è stato la base dalla quale il regista Beppe Menegatti è partito per realizzare una creazione interpretata dalla stessa Carla Fracci. donato al pubblico presente al castello dei Borgia a Nepi.

“Romanza per violino” di Natalja Baklanova, questo è il titolo e prevede la lettura dei pensieri di Madre Teresa di Calcutta inviati a Carla Fracci e uno scritto di Marguerite Yourcenar: i diciotto nomi di Dio. Al violino la piccola Matilde Pisicchio.

Per Carla Fracci è importante mantenere viva la danza anche in questo periodo. “La danza ha bisogno di essere sostenuta.- dice la grande artista- Ci sono molti talenti che vanno a cercare lavoro all’estero. Ciò mi fa molto male. Da qui riparte la nuova sfida.”

Ecco la motivazione per la quale viene attribuita la CITTADINANZA ONORARIA di Nepi alla Sig.ra Carla Fracci

“Per essersi distinta nel campo della danza, divenendo simbolo indiscusso inItalia e nel mondo della sua arte. Per essere ormai indissolubilmente legata alla Città di Nepi dal 2014 e per aver portato sempre con sè le peculiarità che caratterizzano sia Lei che la nostra terra: l’eleganza e la bellezza.”

Ecco la motivazione invece con la quale viene conferita la CITTADINANZA ONORARIA alla Sig.ra Maria Pia Liotta, direttrice artistica del Festival.

“Per i grandi traguardi raggiuti in campo professionale. Per aver portato lustro alla Città di Nepi con la sua iniziativa del Festival Internazionale della Danza e delle Danze. Per essere ormai parte integrante del tessuto socio-culturale del nostro paese.”

Il Festival Internazionale della Danza e delle Danze ritorna a Nepi per la quarta edizione. Durante le tre serate ci saranno numerosi ospiti:
Carla Fracci, Luciana Savignano, Lorella Cuccarini, Samuel Peron, Anastasia Kuzmina, Alma Manera, Micha Van Hoecke, Alviero Martini, Roberta Beccarini e tanti altri.

Giovedì 20 agosto si dà dunque inizio, a Nepi, alla quarta edizione del Festival Internazionale della Danza e delle Danze, fondato da Paolo Tortelli e Maria Pia Liotta, organizzato da Alta Classe Accademia dello Spettacolo, sotto la direzione artistica di Maria Pia Liotta e con il patrocinio del Comune di Nepi.

Tre giorni di grandi esibizioni con ospiti prestigiosi e rappresentanti autorevoli del settore tersicoreo.

Dopo il tradizionale taglio del nastro, la serata del 20 agosto è proseguita con il Gran ballo degli auguri a Carla Fracci.

I “Nobili” e le “Dame” della Compagnia Nazionale di Danza Storica, in eleganti frac e preziosi abiti con crinolina, hanno eseguito meravigliose Quadriglie, Contraddanze, Polonaise tratte dai manuali dei più celebri maestri del XIX secolo.

Abiti incantevoli da film in costume – come Il Gattopardo, Sissi, Orgoglio e Pregiudizio – usando un codice espressivo per la messa in scena rispettoso delle norme anti-covid, reinterpretato dal M° Nino Graziano Luca , hanno incantato il pubblico presente.

Nino Graziano Luca, presidente della “Compagnia nazionale di danza storica”, ha curato l’allestimento del “Gran ballo degli auguri a Carla Fracci”, in scena la sera del 20 agosto.

Anche quest’anno, come nelle precedenti edizioni, il Festival, nelle due serate del 21 e 22 agosto, come una grande maratona della danza garantisce un programma vasto, innovativo di sicura qualità artistica.

Il direttore del Festival, Maria Pia Liotta, come sempre guarda al futuro, proponendo sulla scena italiana uno spettacolo che, basato sulla solida struttura del balletto tradizionale.

Si apre verso nuovi stili e cresce verso le varie discipline della danza, dal classico al contemporaneo, dal tango ai balli caraibici e latino americani.

Un progetto unico nel suo genere, quindi un incontro internazionale di danza e danzatori nelle varie tecniche e discipline, con l’obiettivo di coinvolgere tutti gli operatori del settore per uno scambio culturale.

A rappresentare le varie discipline nelle due serate in programma la massima espressione della danza, grandi stelle di chiara fama, ognuna protagonista indiscussa nel proprio genere.

Durante le due serate del Festival, si alterneranno sul palco:

il Neoclassic Ballet di Sabrina Bosco che in anteprima per il Festival presenterà il Bolero di Ravel in un nuovo adattamento coreografico di Sabrina Bosco.

La compagnia Le Viaggiatrici d’Oriente, diretta da Marta Amira, il tango di Roberta Beccarini con Luca Amerijeiras.

E ancora le Piccole Danzatrici Italiane Danza Accademia; gli standard e il latino americano con Samuel Peron e Anastasia Kuzmina.

La coppia ballerà un brano tratto dallo spettacolo Shine di Micha Van Hoeche con musiche dei Pink Floyd

Marco Lo Presti, solista della Compagnia Daniele Cipriani Entartainment, eseguirà “Wish you were here”.

Le forti emozioni di Alma Manera con un omaggio a Ennio Morricone; al pianoforte il m° Kozeta Prifti.

Le serate sono condotte da Beppe Convertini e da Maria Elena Fabi.

Durante l’ultima serata del Festival ritorna il premio “Lo Schiaccianoci d’Oro”, istituzionalizzato nella prima edizione del Festival.

A grandi artisti, a esponenti autorevoli del settore, un riconoscimento per la loro fedele dedizione all’arte della danza.

Il premio è stato creato dall’artista Enrico Manera.

Quest’anno tra i premiati: Luciana Savignano, Lorella Cuccarini, Micha Van Hoecke, Elisabetta Armiato, Alviero Martini, Christian Francesconi Catena, Francesca Barbi Marinetti, Stefania Di Cosmo e altri.

Sotto un cielo di Stelle

venerdì 21 agosto 2020 – ore 21.00. Castello dei Borgia – Nepi

Gran Gala del Festival e cerimonia finale di consegna del Premio “Lo Schiaccianoci d’oro”

sabato 22 agosto 2020 – ore 21.00. Castello dei Borgia – Nepi

PER INFORMAZIONI: Segreteria Organizzativa – Cell. 346.6142314

www.festivalinternazionaledelladanzaedelledanze.com

PER PRENOTAZIONI E ACQUISTI BIGLIETTI ON LINE

Associazione L’Attesa

Tel 338.3288291 – 333.8495929

La Bottega di Emi

Via Giacomo Matteotti, 18 – Nepi

0761.555029

Costo del biglietto: € 15,00 a serata

Abbonamento per le due serate: € 25,00

Auguri alla stella sulle punte Carla Fracci e al Festival internazionale della danza e delle danze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *