La storia prende il via all’inizio degli anni ’70 in quella fucina del talento che era New York, nasce come parte di un movimento culturale più grande chiamato Hip Hop nato sempre negli Stati Uniti d’America qualche anno prima.

Consiste di una sequenza di versi molto ritmati, incentrati su tecniche come rime baciate, assonanze ed allitterazioni.

Si chiama Rap! Rap che negli anni 80 attraversa l’Oceano Atlantico e fa capolino in Italia.

Ma è all’inizio degli anni 90 che si muovono i rapper delle “Posse”, termine inglese che significa “gruppo”, attivisti nel campo politico-sociale e di rivendicazione di diritti, che si servono della musica per esprimere le proprie opinioni e diffonderle.

Il movimento si sviluppa essenzialmente nell’ambito dei centri sociali. Negli anni 2000 il Rap italiano ha riscontrato una notevole crescita commerciale con il lancio mediatico di numerosi rapper, la nascita di molte competizioni di freestyle e la diffusione tramite internet.

Rientra a pieno titolo in quest’ultima definizione il giovane e rampante rapper Giovanni Licari in arte Cass, che ha cantato e scritto a 4 mani insieme con una nostra vecchia conoscenza,il cantautore torinese Devis, la canzone La Donna

Ciao Giovanni come va? Come hai conosciuto Devis, come lo consideri?

Molto bene, sono al mare, ad Albenga, quindi meglio di così non potrei stare

Come hai conosciuto Devis, come ti sei trovato con lui?

Ad un concorso di canto, io partecipo sempre alle manifestazione, ai Festival, ai Contest che mi capitano a tiro e in uno di questi ho conosciuto questo cantautore bravissimo, molto grintoso e mi sono trovato subito bene con lui

Che mi dici del brano La Donna di cui tu sei il coautore?

Credo che sia importante lanciare dei messaggi positivi, spesso si trattano questi argomenti con tristezza, con tono di denuncia, io credo invece che è bene, come abbiamo fatto noi in questo caso fare una canzone positiva, che faccia star bene e al tempo stesso riflettere l’ascoltatore

Questa canzone è distribuita da Events Management di Torino, come di Torino è Devis e sei tu, ce la presenti la tua città?

La mia città è bellissima! Io ne sono innamorato, è una città che da molte opportunità alla musica e ai musicisti e ha una cultura musicale molto forte, nel mondo del Rap si può definire la capitale del freestyle, per le vie trovi gente che canta, che rappa, che improvvisa, stupendo!

Ai Murazzi, epicentro musicale mitologico, dove si sono creati tanti artisti, tu hai fatto in tempo ad esibirtici prima che chiudessero?

Si, sono riuscito in un paio di occasioni, anche se va detto che la movida musicale lì ahimè si è un pò fermata da anni

Avete in città anche locali storici, quasi delle vere e proprie capitali del Rap, sei mai stato ad esempio all’ Hiroshima mon amour?

Si, purtroppo solo come avventore e spettatore, mai mi ci sono esibito

La scena Rap torinese fin dagli anni 90 sforna talenti importanti, tu hai aperto concerti addirittura a Shade, Mostro, On Mic, che esperienze sono state?

Straordinarie, con i One Mic è stato veramente emozionante, loro si erano sciolti da 5 anni, poi si sono riuniti ed io ero lì proprio ad aprire quel celebre concerto della reunion

Come persone come sono questi “big”

Sono magnifiche persone, con Shade addirittura mi sono divertito in un freestyle

Riesci a darci un aggettivo o un sostantivo o una breve definizione per descrivere questi 3?

Ensi dei On Mic è il padre del freesyle italiano, Shade eclettico, Mostro, anche se non di Torino, Bravissimo

Il tuo artista preferito tra questi?

Shade! Magari si conosce solo la sua parte più commerciale, più da tormentone estivo, ma va conosciuto a fondo, è molto molto di più

Il tuo nome d’arte, Cass da dove deriva?

Dal personaggio di una serie TV americana, è un angelo sceso in terra come un’arma di Dio, ma poi stando a contatto con gli umani impara il libero arbitrio. E’ un personaggio che mi piace ed è una storia importante

Nel Rap straniero chi segui?

Generalmente preferisco quello italiano, però non posso non citarti Eminem e il tedesco Casper

Preferisci le battle o il featuring

Le battle

Con chi sogni di poter un giorno imbastire una battle?

Clementino

In No Tanks contro chi ce l’hai?

Contro questa nuova ondata di Rap che parla sempre di gang, di criminali, che fa a gara per chi è più forte, più ricco, più illegale ecc, io questa competizione la trovo ridicola. Nella canzone dico che io non ho bisogno di dimostrare di essere il più forte…Perchè lo sono

Pro o contro la Trap

Tendenzialmente il genere non mi fa impazzire, va detto che chi è proprio bravo meriti, ma lo fanno in tanti, e pochi sono quelli bravi

Come è andata la finale nazionale del Tour Music

E’ stato stupendo. Ho portato un inedito che ancora deve uscire e sono arrivato nei primi 9. Assolutamente inaspettato

In Al calar del sole dici: “la vita è un gioco di ruolo”

Si, ci sono tutti i tipi di personaggi: protagonisti, principali, secondari, comparse, meschini, nemici

Nel mondo quanti attori e quanti spettatori ci sono in percentuale?

20 e 80

Tu ti reputi attore o spettatore?

Attore

La canzone l’hai portata al celebre Arezzo Wave per la categoria Rap e Teatro

Si, ho raggiunto la finale, ho messo in scena il Rap in maniera e con una coreografia teatrale, un genere nuovo che devo dire che è molto piaciuto

Ti piace il Teatro?

Si, è anche il mio principale lavoro, mi paga l’affitto

Attore teatrale e attore cinematografico preferiti

Gassman e Totò

Il calcio lo pratichi? Lo segui?

Ho giocato 12 anni a calcio, ero terzino sinistro, tifo Milan

Il tuo idolo nel ruolo?

Serginho

Sei arrivato anche in finale del concorso Sicurezza stradale in musica con Fuori strada, azzeccata e pertinente metafora

Si era un concorso organizzato da Radio Italia e ANAS per educare alla sicurezza stradale i giovani ascoltatori e fruitori di musica, mi fa piacere che ti sia piaciuto il pezzo

Quanti ci metti a scrivere un tuo pezzo?

E’ molto ambivalente, ci sono pezzi che scrivo in 2 ore e pezzi o strofe che per scriverle o migliorarle ci metto mesi o financo anni

Da dove prendi spunto?

Dal mio vissuto e dal mondo che mi circonda, mi reputo un buon osservatore

Anche il tuo pezzo Farfalla è una bella metafora

Si, quella mi riguarda, è abbastanza autobiografica

Nel tuo ultimo pezzo Dammi più views, che stiamo ascoltando in questa settimana in vari programmi di Radio Svolta, canzone anch’essa distribuita da Events Management, hai un feat di Andrea Mandelli, chi è?

Prima citavi il Tour Music, Andrea Mandelli è colui che ha vinto la categoria interprete a livello europeo, è un cantante e una persona meravigliosa

C’è già il video di questo pezzo?

Si si, sul canale YouTube Cass andate a vederlo, è molto simpatico. La canzone chiede, anche in tono chiaramente ironico, di darci più viewslike, ecc, numeri ormai indispensabili e che sono parte integrante e fondamentale, giusto o sbagliato che sia, per salire in popolarità e celebrità

Grazie Giovanni, è stato veramente un piacere e complimenti sinceri

Grazie a te, il piacere è stato mio. Saluti agli ascoltatori di Radio Svolta e ai lettori de La Città News

Guido Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *