Due grosse esplosioni sono state avvertite a Beirut, la capitale del libano. Una è avvenuta nella zona In queste immagini impressionanti l’onda d’urto travolge i palazzi vicini

Palazzi squarciati, vetrine e finestre fatte esplodere dall’onda d’urto, auto devastate e accartocciate. Sono impressionanti le immagini dei danni provocati per le vie di Beirut dalle due potenti esplosioni che si sono verificate nel porto della capitale libanese e hanno causato decine di morti e feriti, stando al primo e ancora parziale bilancio. Gli scoppi sono stati sentiti fino a Cipro, a 200 chilometri di distanza.

Esplosione a Beirut: interi quartieri devastati, auto e vetrine a pezzi e palazzi danneggiati

Stando alle informazioni che arrivano dai corrispondenti locali delle agenzie di stampa internazionali e dalle immagini diffuse sui social, è evidente che l’enorme deflagrazione ha devastato un’ampia parte della città. I giornalisti di Afp sul posto hanno riferito che le vetrine dei quartieri di Hamra, Badaro e Hazmieh, nella parte orientale di Beirut, sono state distrutte. In frantumi i finestrini di migliaia di auto, ora abbandonate in mezzo alla strada dai proprietari terrorizzati e feriti, con gli airbag gonfiati, alcune ribaltate dallo spostamento d’aria.

Ricorda Hiroshima e Nagasaki, nulla di simile era mai accaduto in Libano
Scene che, stando ai testimoni, fanno pensare all’esplosione di una bimba atomica. “Ciò che è successo a Beirut ricorda Hiroshima e Nagasaki, nulla di simile era mai accaduto in passato in Libano”, ha dichiarato in lacrime il governatore della capitale libanese, Marwan Abboud. Non è ancora possibile fare una stima delle vittime. Centinaia di persone si sono presentate al pronto soccorso, ferite e sanguinanti. Molti sono stati mandati a casa per lasciare spazio a casi più gravi. Molti, compresi bambini, sono in attesa di essere curati.

Fonte: https://www.fanpage.it/attualita/esplosione-a-beirut-boato-sentito-a-200km-di-distanza-sembra-hiroshima/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *